Un libro con note su Bagheria.

Edito nel 1907


Tra i tanti libri antichi che danno notizie su Bagheria segnaliamo il “DIZIONARIO ILLUSTRATO DEI COMUNI SICILIANI” di Francesco Nicotra, edito dalla Società Editrice del Dizionario Illustrato dei Comuni Siciliani, con sede a Palermo, nel 1907.

Al nostro Comune erano dedicate 18 pagine, da 407 a 424. Le illustrazioni (si trattava di disegni) erano undici; in essi erano stati riprodotti i monumenti più importanti del paese: Palazzo Branciforti, Villa Trabia, palazzo Villarosa, Palazzo Valguarnera, Palazzo Inguaggiato, Palazzo Palagonia, Chiesa Madrice, il Camposanto, la statua di S. Giuseppe modellata dal Quattrocchi.

L’ autore del libro alla pagina 408 scriveva che:

Il paese è visitato spesso da circoli sportivi, da escursionisti e da forestieri, che vengono ad ammirare le ville signorili e le preziose gallerie del Palazzo Palagonia”. La pagina 408 comprendeva una corposa bibliografia di ventuno volumi con esaurienti notizie e immagini sulla nostra cittadina.

Nella pagina 409 venivano segnati i primi dati sulla popolazione: al censimento del 1901 VENIVANO REGISTRATI 17219 abitanti per Bagheria e 1110 per la frazione di Aspra.
Per quanto riguarda i giacimenti venivano segnalate le cave di tufo calcareo ad Aspra, Sant’Isidoro, San Cataldo, Parisi, Mortillaro. 

Nella contrada Monaco presso la stazione ferroviaria vi erano cave di argilla che alimentavano fabbriche di mattoni e tegole esistenti nel Comune. 

È interessante l’elenco delle piante esistenti nel 1907, anche per segnalare quelle scomparse. Le principali colture erano i giardini di limoni, il vigneti, gli oliveti, ed inoltre il pesco, il ciliegio, il pero, il nespolo del Giappone, il pino domestico, il fico, i fichi d’India, i pomodori, i piselli, le fave, i melloni, il sommacco e il frumento.

Seguiva la storia della crescita del Comune che qui tralasciamo perché è ormai nota.

Interessanti erano gli elenchi delle Chiese, delle Associazioni e Congregazioni religiose note e operanti nelle loro sedi.

Seguiva il quadro dell’Amministrazione e l’elenco di tutti i Sindaci o Commissari dal 182O al 1907.

In chiusura del capitolo vi erano alcune notizie interessanti: “Vi era una banda musicale privata diretta da un bravo maestro e si componeva di 24 individui. Esisteva un piccolo teatro comunale costruito nel 1800 dal principe di Butera, con una fila di palchi e la platea che poteva contenere 150 spettatori.”

Vi erano i seguenti circoli ricreativi:

1 – Nuovo Circolo di Bagheria, fondato nel 1899. Contava 65 soci.

Era fornito di bigliardo, pianoforte e biblioteca circolante.

2 – Circolo Cattolico della Congregazione del S. Sepolcro. 

É stato fondato nel 1902, contava 150 soci.

3 – Circolo della gioventù.

 É stato fondato nel 1904 e contava 40 soci.

Antonino Russo

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it



Leggi sul “Settimanale di Bagheria”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.