Grazie al… Razzo!!

Come si disse dopo avere messo piede sulla luna. 

Il borgo marinaro di Aspra, potrà dire più o meno lo stesso, quando ultimati i lavori che stanno riempiendo le cronache di tutti i media locali, e della pagina del nostro sindaco Filippo Tripoli e dell’assessore al decentramento Andrea Sciortino, sarà accolta nuovo astro tra le stelle delle capitali del turismo balneare, nuovo polo e punto di riferimento.

Sono passati almeno vent’anni da interventi così drastici nel borgo marinaro di Aspra, che, lo ricordiamo a tutti, è, al momento, una frazione di Bagheria. Sono interventi diventati straordinari a causa di incuria, indifferenza e poca lungimiranza.

Già lo scorso anno si era intervenuti con la  applicazione della ZTL criticatissima e davvero mal realizzata, e a fine stagione, complice anche l’abbandono della compagine di maggioranza da parte di quello che è oggi assessore in carica al decentramento ( una sorta di “sindachicchio” del borgo), una sommossa popolare di cittadini asprensi, si era levata proprio con Sciortino in testa, ma coinvolgendo altri pezzi dell’opposizione, come la consigliera Anna Zizzo, le piccole associazioni e le figure carismatiche del borgo, per un progetto di riqualificazione che sembrò a tutti fantasioso quando si seppe che alla fine della piazza proprio fronte mare, si sarebbe istallato un casotto ( oggi realizzato) quale centro di informazioni turistiche, e anche dei bellissimi BAGNI PUBBLICI… Si scatenò una guerra. Si accusò il sindaco di avere intenzioni clientelari sull’affidamento del casotto e del servizio annesso, si sollevarono legittimi dubbi sui vincoli paesaggistici sapientemente aggirati, si ridicolizzò la necessità del gabbiotto ironizzando sulle uniche indicazioni che avrebbe potuto dare: l’orario di apertura dei bagni! A capo della rivolta lo stesso assessore che oggi tace sull’opportunità di quel progetto intitolato: Interventi volti alla riqualificazione del lungo mare della frazione marittima di Aspra nell’area che va dallo scaro di ponente allo scaro di levante.

Una tagliata di faccia alle bellezze asprensi,e infatti, in quella occasione, si andò in comune a visionare il progetto, a verificare i pareri della sovrintendenza a perorare la causa di moltissimi cittadini di Aspra e del consigliere Sciortino, perché quel progetto sembrava veramente miope. Oggi possiamo godere di una serie di interventi sul lungo mare del borgo di pescatori, che potranno portare lustro.

Nuovi arredi, una manutenzione della ringhiera, interventi sulla illuminazione pubblica, e grazie a questi ci si augura un rilancio della frazione. I dissapori tra il sindaco Tripoli e il consigliere (ora assessore) Sciortino si sono chiariti, grazie a questa collaborazione infatti sono partiti questi ultimi interventi, che potrebbero essere veramente un punto di svolta tanto che gli asprensi che si erano mobilitati per lo scempio del casotto e dei bagni pubblici stanno plaudendo soddisfatti per la realizzazione di questo progetto intitolato: Interventi volti alla riqualificazione del lungo mare della frazione marittima di Aspra nell’area che va dallo scaro di ponente allo scaro di levante.

E ma…. È LO STESSO!!!! È PROPRIO QUEL PROGETTO CONTRO IL QUALE CI SI ERA RIBELLATI!!!

A questo punto o fu strumentale e politica quella sommossa che coinvolse i cittadini di Aspra e altri consiglieri di opposizione,  che erano in buona fede , o è strumentale e propagandistica tutta questa attenzione mediatica, che coinvolge anche un terzo attore: AMB, tanto critica nei confronti degli abbandoni di rifiuti a Bagheria e pronta a puntare il dito , ma non nel caso della spiaggia di Aspra, dove piuttosto viene evidenziato il risultato.

Cappero, come cambiano gli animi in una girata di vento. Sono rimasti lucidissimi in pochi, vergin di servo encomio.

Ma magari non hanno capito…. Come non hanno capito un altro passaggio fondamentale:  il comune di Bagheria, il sindaco Filippo Tripoli e l’assessore Andrea Sciortino, non hanno alcun merito se non il fatto di aver pubblicato le foto e i post. Il progetto nasce su richiesta del Flag/Gac dei comuni che insistono sul golfo di Termini imerese. Una sorta di consorzio che intercetta fondi europei destinati a comuni aderenti  con determinate caratteristiche, che per semplificazione diremo “marinare”, e che li mette a disposizione dei comuni. Questi nemmeno fanno richiesta di questi fondi, è il “consorzio” che gli dice: “ho questi soldini per te, cosa ne vuoi fare?”  E in questo caso l’amministrazione Tripoli, con una determina del 2019, affida ai suoi tecnici la redazione di un “progetto di spesa”, (perché tecnicamente da progettare nulla c’è). Molto tempo prima che Sciortino divenisse assessore, quindi.

E qui viene spontaneo il GRAZIE AL… RAZZO, così sono bravi tutti.

Ma davvero Aspra che dovrebbe essere un gioiello, la si compra con due panchine due porta piante e due cestini da rifiuti? O con la pulizia della spiaggia che dovrebbe essere quotidiana e  per altro, cosa normale?

I nodi verranno al pettine con il centro comunale di raccolta del pescato, la cui progettazione era della passata amministrazione( già perché in tutto questo manca il passaggio importante che l’interlocuzione con il Flag la comincia l’amministrazione Cinque, neanche questo merito per il buon Filippo), giusto adesso che è prevista  una revoca (immotivata???) di una assegnazione fatta con evidenza pubblica illo tempore, e la ricerca di un interlocutore che faccia convivere, zitto tu e zitto io, le due anime, quella dei commercianti abusivi e quella dei pescatori professionisti.

Impossibile senza violare regolamentazioni specifiche in materia di vendita di prodotti ittici non provenienti dalla pesca diretta.

Bravo Filippo, bravo Andrea, complimenti!!!!

È sempre: GRAZIE AL… RAZZO!!!

Ignazio Soresi

Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


1 pensiero riguardo “Grazie al… Razzo!!

  • 7 Giugno 2022 in 19:09
    Permalink

    Viene solo da ridere nemmeno i comici sanno fare…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.