Scuola Bagnera: incontro genitori-amministrazione. Ad oltre un mese ancora disagi.

Il giorno dopo l’inizio dell’anno scolastico, il primo acquazzone aveva già provocato danni e addirittura doppi turni per un paio di classi. Ad oggi la soluzione non è arrivata, e si aggiungono altre pressanti vicende.

L’evento era passato in sordina come problematica di serie B, sulla quale, però, si doveva mantenere il più stretto riserbo a tutela dell’immagine di questa amministrazione che si era fatta trovare impreparata ed in forte ritardo con i lavori di manutenzione generale e del verde pubblico all’interno dei plessi.

Tanto segreta che si dovette andare a tentoni, quando se ne diede notizie da queste pagine, per ricostruire la vicenda: era un giovedì… si disse che lunedì sarebbe stato tutto risolto, 3 giorni.
Era il 22 settembre… Oggi ad oltre un mese non tutto è risolto, i genitori non sono certi della bontà di quanto fatto fin qui e lamentano altri interventi necessari.

Sarà tutta la stirpe dei Bagnera che ha motivo di lamentare la mancata corresponsione di amorosi sensi.

Ieri pomeriggio alle 18:30 il Sindaco Filippo Tripoli, e gli Assessori Provvidenza Tripoli e Emanuele Tornatore, hanno incontrato una delegazione dei genitori del Distretto Didattico I Circolo Giuseppe Bagnera.

È emersa la necessità da parte dei genitori degli alunni di avere una relazione tecnica sui lavori di messa in sicurezza fin qui effettuati ( che hanno consentito il rientro in un’aula n.d.r.) e sul resto che sarà ultimato, secondo Tornatore, la prossima settimana.

L’interlocuzione ha fatto ovviamente scattare tutta una serie di richieste sopite, una su tutte la presenza di campanelli di allarme, per lo stesso pericolo umidità/crolli in altre zone dell’istituto. Su suggerimento di uno dei rappresentanti di istituto, pare esista una problematica inerente i numerosi gomiti delle grondaie che ne inibiscono il flusso di scarico delle piogge, perché tratterrebbero gli aghi di pino intasandosi (dopo avere detto ciò, si narra sia calato un attimo di silenzio poiché si è temuto di avere dato un suggerimento nefasto per gli arbusti del plesso).

Altra problematica evidenziata, per la quale anche la stessa dirigente avrebbe richiesto perizia tecnica, riguarderebbe la scala esterna di accesso alle classi che con la pioggia diventa molto scivolosa e per la quale si richiede l’istallazione di due corrimano, e la messa in posa dei sistemi antiscivolo.
Un attimo di amara ilarità quando il Sindaco ha risposto che il problema è l’autorizzazione della sovrintendenza, ricordando la devota attenzione di questa amministrazione nei confronti dell’organo di tutela dei Beni Culturali e del Paesaggio, dimostrata almeno in altre due occasioni.

le zanzare dovranno tenersele perché: ”la disinfestazione l’hanno fatta il 14 ottobre, (e quindi… basta!?!), la palestra è un po in ritardo ma sarà consegnata entro dicembre” scrive l’assessore in un nota ad una rappresentante.

Intanto uno dei componenti del consiglio di circolo ha fatto richiesta di accesso agli atti nello specifico si è chiesto di visionare il verbale del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione della Scuola (ingegnere Infurna) con evidenza di eventuali prescrizioni circa le verifiche e i lavori da eseguire, il verbale dei tecnici comunali da cui sia possibile evincere la condizione strutturale delle aule interessate dalle infiltrazioni di acque piovane nell’immediatezza del fatto constatato e le eventuali soluzioni tecniche prospettate per la risoluzione del problema, eventuali indagini tecniche esperite, ma anche l’elenco dei lavori realmente eseguiti dalla ditta incaricata, e la certificazione di regolare esecuzione dei lavori (se già disponibile).

Uno dei genitori che nei giorni scorsi aveva rotto il silenzio anche sui media locali, Filippo Scaduto, sottolinea alla luce del patto di corresponsabilità che i genitori sono chiamati a sottoscrivere, quanto siano fondamentali tutti i presidi di sicurezza e le operazioni di controllo e manutenzione. Ritenuta inaccettabile la risposta avuta sulla presenza di insetti pone inoltre l’attenzione sullo stato di degrado all’ingresso principale su Piazza Leonardo da Vinci, soprattutto il lunedì mattina. Non si può continuare con interventi coi paraocchi, ed inserire realtà tanto differenti nello stesso contesto urbano, soprattutto quando ci sono palesi difficoltà a gestire il tutto.

Ignazio Soresi

Per ricostruire la vicenda:

Leggi sul “Settimanale di Bagheria”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it




Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.