DEI DETTI POPOLARI e del loro valore sociale

I modi di dire esprimono in certo modo la filosofia spicciola di un popolo. Io tempo fa ho selezionato motti, detti, proverbi e altro in uso tra i bagheresi e li ho raccolti nel volume “Accussì parrò Bagaria“,pubblicato nel 2000 dall’Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici, grazie all’interessamento del Presidente dell’ISSPE Dott. Umberto Balistreri.

Nel libro è utile anche il capitolo “Documenti di vita bagherese” che contiene interessanti foto d’epoca, ritagli di giornali, riproduzioni di documenti originali, manifesti e un disegno inedito di Minico Ducato.

Quando io ero piccolo ricordo che i braccianti bagheresi infarcivano i loro discorsi di modi di dire: così facendo pensavano di arricchire il loro lessico. Addirittura alcuni facevano entrare due o tre motti in ogni discorso: in tal modo erano convinti che il loro dire risultasse più chiaro e persuasivo agli ascoltatori. Alcune persone anziane erano specializzate nel chiudere il discorso con un motto.

La cosa era talmente scontata che al momento di chiudere il discorso tutti i presenti volgevano lo sguardo verso quella persona e attendevano il responso. Qualcuno cercava di costruire una poesiola intorno a un motto. La conoscenza di più motti era indice di sapienza. Qualcuno aveva notizie sull’origine di alcuni di quei motti.
Spesso questi racconti venivano costruiti all’istante, altri erano ormai conosciuti da tutti e ripetuti a volte fino alla noia. Tempo fa era difficile assistere ad un dialogo dove non fossero inseriti dei motti più o meno noti.


Antonino Russo

RIPORTIAMO ALCUNI MOTTI

‘A lagnusia ti mancia l’uocchi.

Di jornu nun nni vogghiu e ‘a sira sfraiu l’ogghiu.

Scattari avi ‘a buttana cicala!

Mutu cu sapi ‘u jocu.

Faciemu comu ficiru l’antichi: si livaru i panzi e si misiru i viddichi.

Cu pecura si fa ‘u lupu si la mancia.

‘U friscicieddu chi piaci a tia va ‘nculu a mia.

Fari mala vita pi nun parrari.

Mancia,ru to’ mancia e ru to’ saziatinni.

Larga nun ci trasi e stritta nun ci ‘nfila.

Nun nni voli mancu ‘nto bruoru.

Cu nasci tunnu nun po’ moriri quatratu.

Megghiù riri chi sacciu e no chi sapieva.

Na manu lava l’autra e tutti rui si lavanu ‘a facci.

Puru ‘a Rigina appi bisognu ra vicina.

Cucinala comu vo’, sempri cucuzza è!

Bedda comu ‘u culu ra jattaredda.

Stu picciriddu è lintificu a so nannu.

Rizzi,patieddi e granci,assai spienni e nienti manci.

Si lu sceccu nun voli viviri è inutili friscari.

Zieru e bazieru un cantaru e miezu.

Cu paia avanti mancia pisci fitusi.

‘U caliaru zoccu avi abbannia.

Quannu c’è ‘u rammi e te ‘a micizia sempri c’è.

L’amuri ri Pitinchiuni.manciò a mugghierà a muzzicuni,

Mietti ca ‘u miettiri è saluti!

‘O cacari vennu i vuci!

Cu mancia fa muddichi.

Aviri i corna cchiù longhi ri San Suluvestru.

Arristari cu l’occhi chini e i manu vacanti.

Truvari u muriceddu vasciu.

Livarisi ‘u tistali.

Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.