Sfoglia il giornaleLeggi il giornale comodamente

L’esonero della Tosap è un provvedimento nazionale

Gino Di Stefano: “L’assessore Brigida Alaimo aggiunge al danno dei commercianti la beffa!”

In particolare si fa riferimento alla nota pubblicata in data 24/05 sul sito del Comune in cui l’amministrazione comunale, su proposta dell’assessore alle Attività produttive Brigida Alaimo, annunciano una rielaborazione delle
linee guida per l’occupazione di suolo pubblico, specificando “tra le misure più importanti l’esonero dal 1 maggio fino al 31 ottobre 2020 della Tosap”.

Ebbene, è giusto che i cittadini sappiano che l’esonero, dal 1 maggio fino al 31 ottobre 2020, dal pagamento della tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche è previsto dall’art. 181 del D.L n. 34/2020, cioè dal c.d. Decreto Rilancio, id est un provvedimento di natura nazionale e non certo comunale. La stessa norma prevede altresì, quale copertura economica per il ristoro ai comuni delle minori entrate, l’istituzione di un fondo di 127,5 milioni di euro per l’anno 2020, che sarà ripartito tra gli enti con decreto
del Ministero dell’Interno.

Inoltre a sostegno di quanto sopra, si osserva che le disposizioni normative di una disciplina di settore non richiedono che una presa d’atto da parte dell’Ente destinatario delle stesse, trattandosi di norme emergenziali a sostegno delle imprese e finalizzate sempre a contenere il contagio da Covid 19, come si legge dalla Nota di Indirizzo dell’Anci (paragrafo 7).

Invero, l’ente è tenuto a dare unicamente indicazioni sulle modalità operative dell’esonero dal pagamento della Tosap. I commercianti hanno bisogno di aiuti reali, non proclami che riguardano interventi normativi non riconducibili a questa amministrazione.

Quest’ultima, infatti, dovrebbe quantomeno sgravarli dal pagamento della Tari ed adoperarsi per cercare di diminuire il canone di affitto ed il pagamento del canone dell’acqua almeno per la durata dell’emergenza del covid19, come peraltro, i consiglieri di minoranza, hanno già proposto con diverse mozioni che continuano a giacere presso l’ufficio di presidenza dal mese di marzo 2020.

La minoranza si trova nuovamente a smentire l’ennesima battaglia assunta indebitamente da parte del sindaco e della sua amministrazione comunale e reputano scorretto che, in periodo così delicato di emergenza, il Sindaco e l’Ass. Brigida Alaimo lancino alla comunità dei segnali poco chiari, di cui probabilmente se ne fa uso per colmare le mancanze del loro operato.

Firmato:
Il Cons. Anna Zizzo – Il Cons. Michele Rizzo
Gruppo consiliare “L’Aquilone” – Il responsabile Gino Di Stefano
Gruppo consiliare “Forza Italia”- Antonino La Corte
Gruppo consiliare “Mov. 5 stelle” – Vincenzo Bellante

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.