Sfoglia il giornaleLeggi il giornale comodamente

Il consiglio comunale approva il regolamento generale delle Entrate comunali

.

Il consiglio comunale nella seduta dello scorso 15 maggio ha approvato un importante regolamento, quello sulle Entrate comunali.
A renderlo noto il presidente del Consiglio comunale, Marco Maggiore. Il regolamento ha ottenuto 15 voti favorevoli con 8 consiglieri astenuti su 23 presenti.
Il regolamento disciplina Regolamento ha per oggetto la disciplina generale di tutte le entrate proprie del Comune, sia tributarie, non tributarie che patrimoniali, con esclusione dei trasferimenti erariali, regionali e provinciali, in conformità ai principi adottati dal T.U. della Legge sull’ordinamento degli Enti Locali.

Il Regolamento delle entrate è approvato con deliberazione del Consiglio Comunale ed entra in vigore il primo gennaio dell’anno successivo. Nel caso del Comune di Bagheria ci si avvale della deroga alla normativa citata, espressamente prevista dall’art. 53, comma 16 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, con la quale il legislatore ha accordato efficacia retroattiva ai regolamenti relativi ai tributi locali, se approvati entro la data di approvazione del bilancio di previsione. Il regolamento entra dunque in vigore dal 1 gennaio 2017.

“Il documento individua le entrate e detta i principi per la determinazione delle aliquote dei tributi, dei canoni, delle tariffe e dei prezzi dei servizi, a disciplinare le attività di liquidazione, di accertamento, di riscossione, di contenzioso, di determinazione ed applicazione delle sanzioni” – spiega il presidente, Maggiore – un regolamento importante dunque per il quale non posso esimermi dal ringraziare l’aula per la celere approvazione e soprattutto gli uffici della Direzione VI e la responsabile apicale della direzione tributi Giovanna Zizzo e l’assessore al ramo Maria Laura Maggiore”.

[Comunicato Stampa]

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.