SiAmo per la città presenta un interrogazione sui pali di corso Umberto.

Il gruppo consiliare di opposizione al Comune di Bagheria, composto da Anna Zizzo, e Biagio D’Agati, ha presentato l’atto, incarnando il coro unanime di molti cittadini e commercianti del corso storico.

I consiglieri del gruppo SiAmo per la città chiedono a questa amministrazione “se sono stati acquisiti tutti i parerei degli organi competenti prima dell’installazione? A quanto ammonta il costo dell’intervento e su quale capitolo finanziario ha trovato copertura? Se è stato fatto uno studio approfondito dell’utilità che questi pali possano portare al territorio bagherese valutandone anche gli eventuali pericoli? E infine se Sono state informate tutte le attività commerciali del corso al fine di trovare nuovi spunti o nuove idee?”

Tutto questo in considerazione della “scelta dell’amministrazione Comunale di installare dei pali montati in corso Umberto I, ma anche vista l’importanza strategica, culturale, economica e storica che, nonostante tutte le difficolta, il nostro corso rappresenta e ritenendo , questa scelta, più un danno che un beneficio per la nostra città.”

Quello che emerge ancora una volta è la mancanza di confronto tra le parti che questa amministrazione bypassa puntualmente, indipendentemente da chi sia l’interlocutore, semplice cittadino, rappresentante di categoria, o componente di un organo istituzionale.

Comunicato stampa

Leggi sul “Settimanale di Bagheria”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it




Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.