I siciliani verso l’invio dei rifiuti sul Sole.

I siciliani, quindi compresi i bagheresi, potrebbero inviare i rifiuti indifferenziati verso il Sole. I primi calcoli hanno dimostrato ampiamente che inviare i rifiuti verso la nostra stella costerà meno ai siciliani. Il sindaco di Bagheria, insieme a tanti colleghi, si è recato alla Regione Sicilia per capire il futuro della gestione dei rifiuti nell’isola e chiedere garanzie. Dagli uffici regionali è trapelata la notizia “attendibile” di un primo contatto con Elon Musk per spedire sul sole tramite la navetta Space X i rifiuti siciliani.

In particolare, i sindaci, vogliono capire come devono smaltire i rifiuti indifferenziati nelle prossime settimane stante la condizione che molte discariche sono chiuse. Bagheria deve smaltire qualcosa come 500 tonnellate di rifiuti indifferenziati ogni mese. Una bella gatta da pelare per i funzionari della Regione e la politica isolana.

Sul piatto della bilancia i costi in forte aumento del trattamento rifiuti e dall’altro lato la TARI. Perchè bisogna sapere che tutto il costo del servizio rifiuti è sul groppone dei cittadini bagheresi. Quindi c’è poco da stare allegri. Cerchiamo di capire meglio lo stato attuale della gestione rifiuti.

La fetta principale dei costi in aumento è dovuta alla raccolta indifferenziata che rispetto alle cento euro a tonnellata di qualche anno fa è arrivata, negli ultimi giorni, a circa 500 euro a tonnellata. L’altra buona fetta di rifiuti è l’umido. Anche per questa tipologia i costi sono circa 200 euro a tonnellata. Bagheria ne produce circa 400 tonnellate o poco più al mese. Il resto della raccolta differenziata ha un certo costo che viene parzialmente abbattuto dal recupero di plastica e carta e cartone. Quindi, considerando le spese per il personale stabili o leggermente in aumento e mettendo nel paniere il costo del gasolio a 1,90€ al litro, possiamo dedurre che le spese totali per la gestione dei rifiuti potrebbero diventare talmente elevate da far saltare tutti i conti di previsione. E di questo i sindaci sono pienamente consapevoli.

I ritardi nell’impiantistica regionali sono vergognosi. Negli ultimi vent’anni poco o nulla si è fatto per far decollare la raccolta differenziata e degli impianti previsti nessuno è stato realizzato. La politica ha prodotto il nulla. Nel bene o nel male si è votato per l’immobilismo, mentre i proprietari delle discariche riempivano i portafogli. Ha vinto l’emergenza a discapito della programmazione.

Anche se siamo nella quiete e tutto sembra funzionare bene, in realtà le nuvole della tempesta sono ben visibili all’orizzonte. I costi dei rifiuti stanno salendo alle stelle e per l’uguaglianza che il cittadino deve coprire i costi del servizio ogni anno, avremo una sola possibile soluzione: pagare un TARI sempre salata, difficile immaginare di poterla abbassare.

Per Bagheria avere raggiunto il 65% e oltre di differenziata è un buon punto di partenza, ma non credo che possa servire per evitare i maggiori costi. Infatti la mancanza di impianti regionali rimane un dato di fatto che ci costringe a pagare sempre di più.

Tanto salata che converrà chiedere a Elon Musk un passaggio per il Sole…. se non è troppo impegnato a licenziare i dipendenti di Twitter.

Leggi sul “Settimanale di Bagheria”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it


  • Sciopero generale martedì 13 dicembre.
    Corteo a Palermo di Cigil e Uil da piazza Croci a piazza Verdi per manifestare contro la manovra del nuovo governo Meloni.
  • Bagheria: disagi nelle classi. Interviene il gruppo consiliare “Avanti tutta”
    Dopo la drammatica vicenda della mancanza di spazi adibiti al regolare svolgimento delle lezioni, si è registrato un altro problema ben più allarmante che si riversa direttamente sugli alunni che passano le mattine all’interno delle aule: l’assenza di riscaldamenti.
  • Il bagherese Nino Buttitta arriva ad Assisi
    Due mesi e 1300 Km insieme al suo cavallo Gandalf che trainava un carretto siciliano. La storia di un viaggio per devozione verso Assisi dopo il lungo periodo del Covid e della difficoltà di portare aventi la sua attività di ristoratore. Nino, bagherese doc, ha 44 anni e nel viaggio verso Assisi “è partito giovane
  • L’Apd Bagheria 90011mantiene la vetta in classifica
    Pur non giocando la migliore partita della stagione, il Bagheria mantiene la vetta della classifica ed allunga nei confronti delle inseguitrici che oggi non sono andate oltre il pari (Terrasini e Margheritese) e clamorose sconfitte come il Prizzi sommerso di reti dai Delfini. Una gara giocato su un campo reso pesante dalle recenti precipitazioni e
  • Calcio: Il Ficarazzi in testa nel campionato di terza categoria
    Dai Mondiali alla 3^ Categoria, beh ci vuole “panza” e passione e quella non manca, ci si alza da tavola col boccone in bocca e via per il mitico campo della Roccella, tanto famoso che il nostro Umberto Bruno, valente e guerriero giocatore degli anni che furono, per seguire il figlio Alessandro che gioca tra
  • Borsa scambio del giocattolo e del modellismo al San Paolo Palace di Palermo.
    Si è tenuta ieri, domenica 4 dicembre, presso i locali del prestigioso hotel palermitano la trentesima edizione dell’evento che richiama migliaia di appassionati, molti anche bagheresi.


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.