Biagio Conte: “Halloween trasmette violenza, orrore e danneggia i bambini a la loro crescita”

“Il bene e il giusto non sono più accettati, perché non producono commercio e non seguono le mode. Ed invece il male e le ingiustizie sono ben divulgate e pubblicizzate perché producono profitto”.

Lo dice Biagio Conte che aggiunge: “Mi è doveroso fare un appello a tutta la società affinché possa fare una attenta riflessione per comprendere che la festa di Halloween non è uno scherzo, un gioco, ma è un rito altamente negativo, pericoloso, violento, macabro e diseducativo per tutti, ma soprattutto per i bambini.

Halloween trasmette e istiga al male, all’orrore, alla violenza e così danneggia e inganna i bambini plagiandoli e illudendoli che è una festa come tutte le altre ed invece è tenebrosa ed è un rito satanico. Attenzione, siamo già schiacciati e terrorizzati da una società piena di fatti di violenza e di omicidi in ogni paese o città, nelle famiglie, nelle scuole e nelle piazze. Adesso basta diseducare, trasmettere il negativo ed istigare alla violenza, cioè al male, i piccoli, i giovani e i meno giovani. Avete trasformato questa negativa festa in un business commerciale. Preoccupato mi rivolgo a tutte le istituzioni, a tutte le realtà religiose, ai non credenti, alle scuole e a tutte le famiglie; non si permetta di divulgare questa orribile festa facendola apparire come uno scherzo, un gioco con teste decapitate, occhi cavati, mani e piedi tagliati, scheletri e mostri di ogni genere.

Rispondiamo al male con il bene, divulgando i veri valori, i sani principi, il bello e il giusto, la pace e la vera giustizia; educando e formando così le nuove generazioni alla non violenza.

Siamo diventati fautori e responsabili di una società malata nel corpo, nella mente e nello spirito e responsabili di trasmettere e inculcare la violenza e il macabro agli uomini, alle donne e, ancora più grave, ai bambini. Il risultato è che le cose positive non fanno audience ed invece le cose negative, che inducono alla violenza, come Halloween, sono acconsentite e ben accette. Ma attenzione chi permette e divulga questo commercio di immoralità ne risponderà al Buon Dio e riceverà la Giustizia Divina.

Mi rivolgo alle istituzioni e ai giornalisti: non permettete e non acconsentite di divulgare tutto questo male alla società attuale e alle future generazioni”.

Pace e Speranza
Fratel Biagio
piccolo servo inutile



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.