Fiction di una pandemia ancora da divenire

Nell’autunno del 2019, in tempi ancora lontani dalla pandemia, giunse a Bagheria una troupe cinematografica per la realizzazione di un trailer che prevedeva l’avvio della produzione di una nuova serie tv per la regia di Niccolò Ammaniti.
Il “Settimanale di Bagheria” quella volta fu coinvolto in parte anche nella logistica per l’organizzazione ambientale delle sei puntate programmate.

La scelta della location cadde su villa Valguarnera ed il tema, con il senno del poi, ci lasciò di stucco. La trama trattava infatti l’avvento di una pandemia che anticipava e aveva molte analogie con quella del Coronavirus che, dopo alcuni mesi, sarebbe esplosa in tutto il mondo. Quella volta fummo impegnati anche noi nell’organizzazione logistica per l’accoglienza di centinaia di ragazzini, unici esseri viventi nella fiction, che sopravvivono alla pandemia.

Fummo impegnati a realizzare un facile collegamento stradale al fine di consentire ai mezzi della troupe di raggiungere
agevolmente villa Valguarnera dove nell’ampio spazio antistante alla villa sarebbe stata realizzata la maggior parte delle riprese esterne. Perfetta l’organizzazione per la gestione anche degli spazi nelle zone adiacenti al fine di consentire il posteggio per le decine di tir che trasportavano le attrezzature di ripresa. Ottima anche la logistica per tutte le esigenze del personale impegnato nei servizi, comprese le ricerche di altri ambienti nella zona che potessero integrare le varie location durante le riprese. La trama era improntata su una pandemia dalla quale sopravvivevano soltanto bambini e ragazzi e comunque la vita era minacciata e tutti gli esseri viventi potevano sperare soltanto in una esistenza a tempo limitata, pari a 14 anni, età in cui la malattia si sarebbe sviluppata diventando letale.

La protagonista è Anna, una ragazzina cocciuta e coraggiosa che va alla ricerca del fratellino rapito sullo sfondo di una Sicilia
diventata, nella location di villa Valguarnera, un’immensa rovina. La trama è tratta dall’omonimo romanzo, “Anna” appunto,
dell’autore e regista Niccolò Ammaniti. Adesso tutto è pronto perché l’attesissima nuova serie TV, che ha come protagonista la palermitana Giulia Dragotto, venga diffusa su Sky e Now. La peculiarità di questa produzione, curata da Wildside, sta nella trama del libro prima di tutto, in cui Ammaniti, già premio Strega e Premio Campiello Europa, profeticamente anticipa un’epidemia mondiale con molte analogie con quella attuale.

Il debutto della fiction è previsto per il prossimo venerdì 23 aprile e sarà trasmesso da Sky in 40 paesi. Sono programmate in tutto sei puntate realizzate con un cast ricco di giovani talenti siciliani.

Michele Manna

Ti consigliamo di visionare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.