Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,
sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa a lezione. Quest’anno ho deciso, nonostante l’età, di fare appello a Babbo Natale per cercare di migliorare il sistema dei trasporti da cui dipende la mia quotidianità. Probabilmente, però, le lettere dei pendolari siciliani viaggiavano su un treno Trenitalia e a Babbo Natale non sono mai arrivate. Invece di un regalo, ci è arrivata una batosta peggio del carbone: un bel aumento del costo dei biglietti e degli abbonamenti.

In questi anni ho sentito, da parte di tutti i miei colleghi che utilizzano i tuoi mezzi, tantissime storie di disagi e disservizi. Treni sempre in ritardo, in condizioni pietose, tragitti che durano il doppio rispetto a quanto impiegherebbe un’auto, frequenza delle corse molto bassa….

A sembrarmi ancora più incredibile è che non solo chi abita a un’ora di strada da Palermo deve vivere da pendolare, ma anche chi risiede in città. Infatti, quel treno regionale – che a noi sognatori piace chiamare metro – che collega la stazione centrale all’aeroporto, passa una volta ogni mezz’ora con poche fermate prima di Punta Raisi, e addirittura ogni ora quando si ferma nelle zone periferiche della città. Tanti miei colleghi, pur abitando a Sferracavallo o Tommaso Natale, hanno un treno ogni ora per tornare a casa – sostanzialmente con la stessa frequenza di un autobus per Catania.
Nessuna di queste cose è stata migliorata con l’arrivo dell’anno nuovo. In compenso, è arrivato l’ennesimo aumento del costo dei biglietti.

È già la seconda volta nel giro di un anno che questa cosa accade, ma solo a me sembra una cosa paradossale? Come può un servizio che non è cambiato di una virgola, che forse anzi peggiora di anno in anno, costare ancora di più?

I biglietti urbani ora costeranno €2,00 anziché €1,70; mentre, come nel mio caso, quelli extraurbani costeranno €3,90 anziché €3,70, con il prezzo che varierà anche per i rispettivi abbonamenti. Spiccioli, no? Beh, per uno studente non lo sono affatto. Io, come tutti i miei colleghi che utilizziamo i mezzi, vivo questo aumento come l’ennesimo schiaffo in faccia da parte di Trenitalia.

Mi rivolgo direttamente ai vertici dell’azienda facendo, a questo punto, appello a un briciolo del vostro buon senso. La Sicilia, come ben sappiamo, ha un grande problema per quanto riguarda il trasporto pubblico. I vostri treni, nonostante la loro condizione, sono l’unica alternativa che permette a tutti noi di spostarci per arrivare, chi a lezione e chi a lavoro. Ma questa non può essere una legittimazione per aumentare i prezzi, anche se previsto da strani contratti nazionali, come se aveste una sorta di potere di ricatto assoluto sulle nostre tasche. Vi chiedo dunque di fare un passo indietro, anche perché sono certo che, oltre a non essere il solo a pensarla così, di non essere l’unico disposto ad alzare la voce di fronte a questa ennesima ingiustizia.

Con rabbia, uno dei tanti studenti pendolari siciliani.

Articolo pubblicato su Trinacria.info



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lavori per mettere i dissuasori mobili nel corso Umberto

Domani cominceranno i lavori per installare all’inizio di corso Umberto i dissuasori mobili per limitare l’ingresso delle auto durante le ore di chiusura. I lavori dureranno circa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.