Di un giornaletto del 1959: ”Ascesa”

Un ricordo del Professore Antonino Russo si lega al momento particolare della nostra testata giornalistica che in questi giorni vivrà il peso dei tempi che cambiano.  Continueremo in modo diverso con lo spirito di quella pubblicazione della fine degli anni ‘50 e scoprirete nomi illustri tra i collaboratori di allora. 


All’Associazione Cattolica San Giovanni Bosco, presso la chiesa Madrice di Bagheria, io negli anni cinquanta ho fondato un giornaletto ciclostilato, la cui testata era “ASCESA”. Non era un giornaletto di valore, ma per noi giovani costituiva un incentivo a scrivere in maniera ordinata e in un italiano accettabile.

All’interno di questo giornaletto ho avuto l’ardire di organizzare anche un premio di poesia. I punti di forza di tale premio erano costituiti da tre giovani poeti bagheresi: Giovanni Mocci, Vincenzo Monforte e il sottoscritto. Era un premio in piena regola: aveva una commissione giudicatrice, alcuni omaggi in libri e una cerimonia di premiazione da organizzare nella sede della Associazione (e non si chiedevano voti in cambio n.d.r.).

Nel marzo del 1959 un numero di “ASCESA” è stato stampato nella tipografia di Luigi Zangara che allora era sita all’inizio del Corso Umberto. Successivamente la tipografia si è trasferita nel Corso Butera di fronte al Cinema Corso.

Il numero a stampa di “ASCESA” constava di quattro pagine. Nella prima pagina vi erano due articoli: “Il giovane e la religione” di Salvatore Lo Bue ed “Essere sociali” di Pino Carcione.

La seconda pagina conteneva un capitolo del romanzo “L’isola della salvezza” di Alberto Carrubba; “Il treno: che delizia!” da me scritto, come le tre poesie che stavano collocate a centro pagina “Due luoghi e due forze”, “Ho chiesto”, “Campane”.

Nella terza pagina vi erano tre poesie di Giovanni Mocci: “Nostalgia”, “A lei”, “Silenzio” e una poesia mia dal titolo “Odor di povertà”. A riempimento alcune voci di un “Dizionario del diavolo” compilato da Salvatore Lo Bue e al centro pagina vi era un capitolo del romanzo “Amore e fedeltà” del quale erano autori Giuseppe Martorana e Giuseppe Giargiana.
La quarta pagina conteneva: “Lo scienziato e il futuro” di Antonio Martorana, “Il giovane e i suoi problemi” di Giovanni Falcone, “Cultura e ambiente” da me scritto.

Molti ci hanno chiesto di poterne vedere altri numeri a stampa. Per motivi economici non è stato possibile accontentarli. Quello ciclostilato era diffuso soltanto tra i soci dell’Associazione.

Antonino Russo.

Articoli correlati

Da una fede demoniaca, salvaci o Signore!

Gesù non aveva casa, né cattedra. Qualsiasi luogo era buono per predicare perché tutti dovevano udire la Parola.Marco racconta di un sabato nella sinagoga di Cafarnao. Gesù…

In quel «cosa cercate?» la pedagogia del Signore

Le prime parole del Gesù storico sono una domanda. È la pedagogia di quel giovane rabbi, che sembra quasi dimenticare se stesso per mettere in primo piano…

L’amore di Dio non conosce confini

Oggi la Chiesa ci invita a celebrare l’Epifania, cioè la “manifestazione” di Dio. Una festa che annuncia che il Messia non è un tesoro privato di Israele,…

AUGURI! …IL RISCHIO DI ESSERE BANALE!

Natale per tanti ha un sapore particolare! Gioia, condivisione, momenti di riflessione ma anche tanta malinconia! Ma il regalo più bello che chiedo ed è difficile avere…

Se penso a quei grezzi e rozzi apostoli!!!

Questa pagina, forse la più bella dei vangeli (in senso estetico) è anche la meno creduta. Sì, perché per la nostra mentalità a Dio non è possibile…

Un tipo strano

Giovanni Battista esercitava una misteriosa attrattiva nei confronti delle persone perché era un tipo strano. Ma che cosa diceva di così interessante Giovanni Battista? Se noi ci…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.