L’addobbo del presepe.

 I racconti del Professore Antonino Russo legati alla tradizione, riscaldano il cuore come il suone delle zampogne natalizie che a Bagheria non si sentono più, sostituite dai bassi degli impianti stereo delle macchine. E oggi con il quadro sociale della nostra città, ritrovare calore è proprio necessario.

Tra la fine degli anni quaranta e i primi anni cinquanta la preparazione del presepe era un esercizio estremamente gradevole. Venivamo dalle privazioni della guerra e quella del Natale era una festa ristoratrice.

Innanzitutto vi era la ricerca dello scatolo che conteneva tutto l’occorrente. Mio padre sistemava un triangolo di legno in un angolo delle scale ed io, in uno spazio ristretto cercavo di fare entrare tutto il materiale di cui disponevamo. Alla fine il tutto appariva affogato in quel triangolino di spazio, ma per me era il più bel presepe del paese.

Ogni anno i pastorelli aumentavano e lo spazio in cui collocarli diventava sempre più esiguo. Usare le piccole luci sarebbe stato dispendioso in tutti i sensi: veniva sistemata una lampada sopra il baldacchino e il tutto veniva abbondantemente illuminato.

Quando si udiva il suono delle cennamelle io dicevo ai miei pastorelli: “questo suono vale anche per voi”. Noi non avevamo i soldi per pagare i suonatori.

Il piccolo presepe veniva da me continuamente modificato: non lo lasciavo mai tranquillo. Alla fine per me costituiva un gioco. Ogni giorno trovavo qualcosa da modificare o da aggiungere.

I pastorelli erano di creta e se cadevano a terra si riducevano in pezzi. Io li incollavo con colla da falegname.

Dopo qualche anno i pastorelli erano tutti rabberciati alla meno peggio. Ad ogni modo per me quello rimaneva il più bel presepe del paese.

Cosi passava il tempo e il giorno dell’Epifania tutto il materiale rientrava nello scatolo da sistemare in un angolo del piccolo appartamento nel quale abitavamo.

Antonino Russo

Leggi sul “Bagheriainfo.it”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Da una fede demoniaca, salvaci o Signore!

Gesù non aveva casa, né cattedra. Qualsiasi luogo era buono per predicare perché tutti dovevano udire la Parola.Marco racconta di un sabato nella sinagoga di Cafarnao. Gesù…

RADIO IN:​ Petrotto & Di Rosalia, performance live e presentazione nuovo singolo ” Anime senza confini”

Petrotto & Di Rosalia saranno ospiti su RADIO IN 102 FM , giorno 27 gennaio 2024 alle 10:40 nel programma Voce Libera, condotto da Flavia Fontana, per…

Presentazione il libro di Piero Montana “La villa dell’alchimia elementi alchemici ed esoterici di villa Palagonia”

Sabato 10 febbraio alle ore 17.30 nei locali del Centro d’Arte e Cultura “Piero Montana”, di via Bernardo Mattarella n. 64, sarà presentato il libro di Piero…

In quel «cosa cercate?» la pedagogia del Signore

Le prime parole del Gesù storico sono una domanda. È la pedagogia di quel giovane rabbi, che sembra quasi dimenticare se stesso per mettere in primo piano…

Al Cinema Capitol ritorna il Cineclub

Si riparte con il CineClub al Cinema Capitol il prossimo 5 febbraio. Gli appassionati del cinema possono segnare in agenda ben sei appuntamenti, uno ogni settimana, che…

L’amore di Dio non conosce confini

Oggi la Chiesa ci invita a celebrare l’Epifania, cioè la “manifestazione” di Dio. Una festa che annuncia che il Messia non è un tesoro privato di Israele,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.