I gabbiani.

Il racconto del professore Antonino Russo, tra accadimenti odierni e ricordi di Aspra , qualche tempo fa. I gabbiani volavano sul borgo marinaro e raramente sulla nostra città, per racimolare facile cibo. Oggi sono emblema delle nostre strade, dove non trovano solo pesce o resti del pescato, ma segni di inciviltà ed incapacità di gestione.



Da molto tempo i gabbiani si vedono volare anche in centro. La loro eleganza è sorprendente. É sempre un piacere osservare il loro volo radente i palazzi e le loro picchiate verso le strade quando vedono qualcosa che possa interessarli. Un giorno ero affacciato al mio balcone e ho visto passare un gabbiano. Si era trovato a volare sul banco di una pescheria. Il pescivendolo gli aveva lanciato due pesci andati a male. Il gabbiano aveva gradito la generosità del pescivendolo e il giorno dopo era tornato a volare sopra l’area della pescheria, nella speranza di ricevere un altro regalo. Il pescivendolo ha capito che non era il caso assecondare i desideri del volatile. Questo, durante un successivo passaggio radente, ha artigliato un pesce e l’ha ingoiato velocemente. Da quel momento il pescivendolo non gli ha permesso più di avvicinarsi al banco. Malgrado ciò il gabbiano è tornato più volte nella posizione di attacco, pur non riuscendo più a catturare altre prede. Alcune mattine fa, essendomi affacciato alla finestra dello studio, mentre osservavo il traffico già discretamente intenso, ho visto passare ad ali spiegate, quel che ho pensato essere, lo stesso gabbiano. Purtroppo per lui, il pescivendolo aveva preso alcune precauzioni ed ora i viaggi del volatile risultavano infruttuosi. A me rimaneva il ricordo dell’avventurosa pesca del pennuto, le sue eleganti evoluzioni e nulla più. Non so per quanto tempo ancora vedrò il gabbiano. Certamente se d’ora in avanti la pesca gli sarà impedita, temo che deciderà di cercare un altro sito. Anni fa ho avuto il piacere di osservare un volo radente di gabbiani nelle acque antistanti la spiaggia di Aspra. Li ho anche fotografati e posso mostrare la relativa foto. La loro vista è uno spettacolo sorprendente e indimenticabile.

Antonino Russo

Leggi sul “Bagheriainfo.it”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Da una fede demoniaca, salvaci o Signore!

Gesù non aveva casa, né cattedra. Qualsiasi luogo era buono per predicare perché tutti dovevano udire la Parola.Marco racconta di un sabato nella sinagoga di Cafarnao. Gesù…

RADIO IN:​ Petrotto & Di Rosalia, performance live e presentazione nuovo singolo ” Anime senza confini”

Petrotto & Di Rosalia saranno ospiti su RADIO IN 102 FM , giorno 27 gennaio 2024 alle 10:40 nel programma Voce Libera, condotto da Flavia Fontana, per…

Presentazione il libro di Piero Montana “La villa dell’alchimia elementi alchemici ed esoterici di villa Palagonia”

Sabato 10 febbraio alle ore 17.30 nei locali del Centro d’Arte e Cultura “Piero Montana”, di via Bernardo Mattarella n. 64, sarà presentato il libro di Piero…

In quel «cosa cercate?» la pedagogia del Signore

Le prime parole del Gesù storico sono una domanda. È la pedagogia di quel giovane rabbi, che sembra quasi dimenticare se stesso per mettere in primo piano…

Al Cinema Capitol ritorna il Cineclub

Si riparte con il CineClub al Cinema Capitol il prossimo 5 febbraio. Gli appassionati del cinema possono segnare in agenda ben sei appuntamenti, uno ogni settimana, che…

L’amore di Dio non conosce confini

Oggi la Chiesa ci invita a celebrare l’Epifania, cioè la “manifestazione” di Dio. Una festa che annuncia che il Messia non è un tesoro privato di Israele,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.