Inaugurata la “Casa di Nazareth”. Scoperta una lapide con il nome di Rosanna Raimondi

In una abitazione di via Noto, in pieno centro storico, perfettamente ristrutturata e arredata è stata inaugurata sabato scorso la “Casa di Nazareth”.

La casa è stata donata da una benefattrice, Francesca Di Liberto, una bagherese che adesso vive a Milano, alla Caritas parrocchiale del Santo Sepolcro che servirà per l’accoglienza di persone sfrattate che vivono in strada, all’interno della cappella dell’adorazione in corso Butera o all’interno delle automobili come due persone che già durante il lockdown hanno trovato ospitalità all’interno dell’abitazione.

La casa è stata rimessa a nuovo grazie alle donazioni dei fedeli e alla collaborazione dei volontari e potrà ospitare fino a 7 persone.

“Nelle pareti di questa casa ci sono le impronte delle mani dei volontari, di tante persone anonime – ha detto don Filippo Custode – che hanno svolto servizio presso la Caritas parrocchiale e soprattutto le impronte profonde di Rosanna Raimondi morta a 49 anni, a cui la comunità è legata saremo sempre grati per la spinta che ha dato alla Caritas”.

Il suo nome rimarrà impresso nella lapide posta all’interno dell’abitazione che è stata scoperta dall’arcivescovo, mons. Corrado Lorefice alla presenza del marito Franco e dei figli Angela, Annamaria e don Giuseppe. “La carità è il cuore di una comunità e di colui che porta il nome di Cristo – ha affermato mons. Lorefice –. Ringrazio i volontari che hanno saputo discernere come il corpo del Signore è nella carne del fratello bisognoso affrontando le fragilità soprattutto di chi non ha un bene proprio”.

Il Pungolo di Bagheria

Ti consigliamo di visionare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.