La mostra “MEST-IERI” dipinti di Giorgio Iacono

Il sole entra prepotente nella piccola chiesa sconsacrata, bacia e illumina le tele di Giorgio Iacono, artista di Termini Imerese. Le sue opere raccontano i mestieri di IERI, donne e uomini che esercitavano con amore e passione mestieri ormai scomparsi e che Iacono riporta a noi con grande perfezione dandogli un’anima sofferente colorando di zolfo i “carusi” tanto cari a Sciascia; raccontando l’amore filiale della”Balia”; descrivendo con perizia politica il “calzolaio comunista” e ” Allegoria del potere operaio; ci fa ritornare bambini con il “Contastorie”, chi non ricorda Ciccio Busacca o il catanese Orazio Strano a raccontare la storia della nostra amata e stravolta Sicilia nelle piazze affollate di bimbi seduti a terra con gli anziani ad ascoltare a bocca aperta; e chi non ha mai sentito il “Banditore”, l’abbanniaturi che al calare della sera intonava:-“…sintiti sintiti sintiti…per ordini del sindaco domani le scuole saranno chiuse…”;

Oggi non si mettono più i cocci insieme come faceva il “cunzatori di terre cotte”; resistono le “scuole di sartoria” d’alta classe e i barbieri, anche se non sono più quei teatrini in cui nei paesi pensionati e lavoratori passavano il tempo a raccontare e spettegolare storie e passioni tra profumi e calendarietti proibiti; sono scomparsi gli “stagnatari” e non si cercano più i “pidocchi” o non si riparano più “ombrelli”.

Iacono dà anima e vita a mestieri che i più giovani nemmeno conoscono, il ” cartiddaru”, “l”acquarolo” ai 4 Canti di Palermo; riporta alla memoria i “maestri scalpellini” che ancora resistono nelle città con le vie lastricate dai sanpietrini, i “maniscalchi”, i “firrari” oggi diventati vero specialisti della lamiera e del ferro; nostalgia per il “lustrascarpe” scomparso e riapparso in alcune città dalla eterna storia; mi ha colpito il ” giardino dei corsari” che in tanti sconoscono e il bellissimo “Suonatori di luce” color seppia; Iacono racconta il passato con i “Mestieri” con un misto di malinconia intima, di rancore verso chi dimentica facilmente e lui lo copre di colori, tanti colori vivi nelle sue splendide opere in olio su tela.

Questa mostra a mio modesto parere avrebbe meritato maggiore visione di parte del competente popolo bagherese e del suo circondario, ricco di tanti artisti che meritano un plauso come lo merita il bravo Giorgio Iacono…

Giuseppe Morreale



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.