Bagheria: spaccio in corso Umberto. Arrestato pusher a pochi metri dal palazzo del Comune.

Dopo due anni di richieste di aiuto e di denunce, anche sui social, da parte dei cittadini. Continuano fruttuosi gli  interventi delle forze dell’ordine. Nel mirino ancora corso Umberto.

I Carabinieri della Compagnia di Bagheria, durante un’operazione di controllo del territorio, hanno tratto in arresto M.A., 38enne residente a Casteldaccia con l’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio.

Sabato 3 dicembre, alle ore 11 circa, in pieno giorno, una pattuglia dei Carabinieri notava l’uomo, già conosciuto per reati analoghi, nei pressi di palazzo Alfano, all’altezza del centro scommesse. Avvedendosi dei militari l’uomo si è dato alla fuga, liberandosi durante la corsa di un involucro di plastica, nel quale i Carabinieri rinverranno, in seguito, ben 46 dosi di hashish per un totale di 100gr.

Dopo un inseguimento a piedi, l’uomo veniva bloccato. Perquisito, è stato trovato in possesso di 300 euro in contanti, probabilmente proventi dello spaccio.
Su indicazione del PM il malvivente è stato sottoposto agli arresti domiciliari, e il GIP del tribunale di Termini Imerese ha convalidato l’arresto.
La vicenda, resa nota solo oggi, getta ancora una volta un faro sull’emergenza sicurezza a Bagheria, sulla quale l’amministrazione continua a far orecchio da mercante, nonostante i cittadini chiedano a gran voce un intervento sistematico e congiunto tra autorità locali e forze dell’ordine, che pure sottolineano la necessità di collaborazioni fattive con l’ente locale (ricordiamo a tal proposito il comunicato del SIULP, il sindacato di Polizia n.d.r.).
Anche il plauso del Comune, affidato ad un comunicato stampa lascia il tempo che trova, considerando che il pusher si trovava a poche decine di metri da palazzo Ugdulena.

Una certa necessità di azioni repressive, pare trasparire dai toni usati dall’amministrazione che però, poi nei fatti rimane ancorata ad iniziative molto meno incisive, evidentemente non troppo efficaci per fronteggiare il problema della droga, che è da inserire in un contesto più ampio, di cui è facile perdere di vista i contorni, se si è affaccendati in tutt’altre faccende.

Leggi sul “Bagheriainfo.it”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Articoli correlati

I compagni del Liceo Artistico ricordano Kevin Barreca

Il giovane Kevin Barreca morto per la furia omicida del padre, insieme al fratellino di 5 anni e alla madre Antonella, è stato ricordato questa mattina al…

Trovato il corpo di Antonella Salomone. Il marito voleva liberare la casa dal demonio.

Non ci è voluto molto per ritrovare il corpo carbonizzato di Antonella Salomone, la moglie di Giovanni Barreca, che era stato occultato in una cumulo di terra…

Tragedia ad Altavilla Milicia. Uccide la moglie e due figli. Salva la terza

Uccide nella notte la moglie e due figli, la terza riesce a salvarsi. E’ successo questa notte, intorno alle 3, ad Altavilla Milicia dove un uomo di…

Divelta la sbarra del passaggio a livello. Intervengono i carabinieri

Una sbarra del passaggio al livello di Bagheria è stata divelta. Una pattuglia dei carabinieri di passaggio è intervenuta per evitare che gli automobilisti potessero passare. Il…

Un donna dorme in macchina, si muove la macchina della solidarietà

Maria è una donna di mezza età che vive in auto davanti la Chiesa di San Pietro in Via Mattarella. Durante il giorno fa la posteggiatrice e…

Cambio al vertice della Caritas Cittadina

Lascia l’incarico di direttrice della Caritas Cittadina, Mimma Cinà, dopo sei anni di intenso volontariato. I suoi collaboratori l’hanno salutata durante una festa organizzata per l’occasione. Il…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.