Bagheria: microcriminalità al lavoro già nelle prime ore della sera. Non solo droga.

I furti e le illegalità non attendono le ore piccole. Già nelle prime ore della sera si registrano i primi episodi. Si è consentito che si diffondesse l’idea del “tutto lecito” a Bagheria. Non sarà facile ristabilire la normalità.

Rientri a casa ad ora di cena dopo una giornata al lavoro, ceni, esci a fumare una sigaretta e in 60 minuti circa in un orario di punta con centinaia di persone ancora in giro, ti hanno rubato lo specchietto retrovisore della macchina.
Questo è quanto accaduto ad un nostro giovane lettore ieri sera ( era venerdì chissà quante ne sono successe n.d.r.) tra le 20 e le 21 nei pressi del suo domicilio vicino la scuola Luigi Pirandello. La macchina a cui è stato asportato il dispositivo retrovisore è una Punto che insieme alla Panda restano le vetture più appetibili per questo tipo di furti, poiché diffusissime e con ampia richiesta di ricambi.
L’emergenza sicurezza in città non è più una tematica su cui organizzare “parlate” a meno che non siano preparatorie di interventi reali. Convegni, conferenze, cicli didattici vanno affiancati ad un reale freno degli accadimenti malavitosi e illegali ad ogni angolo di ogni strada della nostra città.
Quando già tre anni fa si profetizzava tristemente che l’indifferenza avrebbe degenerato in una situazione di questa natura, i cittadini sono stati addirittura derisi e spacciati per visionari.
Oggi che si è verificato quanto predetto, si sta ancora giocando a nascondere la polvere sotto il tappeto, spingendo sulla narrazione dell’emergenza droga.

L’emergenza droga concorre certamente a creare questo clima di non sicurezza, di pericolo che si avverte ormai in tutta Bagheria, ma non saranno gli incontri nelle scuole, un filmino e uno sportello telefonico a risolverlo, arrivati a questo punto.

Abbiamo indicazioni da parte di semplici cittadini di luoghi di spaccio e centrali di spaccio in appartamento dove i ragazzi giovanissimi possono andare a comprare pochi spicci di crack al posto della merendina.
Ma dire che a Bagheria il problema è solo la droga significa chiudere gli occhi e non vedere tutti gli altri disagi, in cui siamo complici tutti. In cui si può intervenire subito e senza conferenze e convegni, avendo il coraggio di scontentare certe realtà (votanti) che devono ridurre il loro volume di affari fatti sulla pelle dei nostri figli.
La droga da un certo punto di vista è un problema comodo, un leviatano di biblica memoria, o, più vicino a noi, un mulino a vento contro cui Don Chisciotte perdeva le sue energie residue. È talmente radicato e contorto che assolve tutti se non si riesce ad arginarlo a dovere, e fa ricadere le colpe su articolazioni sociali, familiari, umane a pari merito con le istituzioni tutte.

Seppure in città gli attori sono ben presenti con la ripartizione delle responsabilità, è indubbio però che tre anni negando l’evidenza, silenziando i cittadini che denunciavano (caso raro), organizzando frizzi e lazzi senza mai curarsi di questa emergenze, bene di certo non hanno fatto.
Bagheria non è un Comune per tutti.

Ignazio Soresi.

Leggi sul “Bagheriainfo.it”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

La rivoluzione digitale: come la digitalizzazione sta riplasmando il mondo

La digitalizzazione è un processo rivoluzionario che segna il passaggio dal classico al moderno, dalla carta al digitale, dalla disconnessione alla rete globale. In questo scenario, la…

New York… Columbus Day 2023, due ficarazzoti a New York, tra grattacieli e carretti

chi lo doveva dire che a 70 anni suonati Pino u Russu e Matteo Castiglione dovevano andare a finire dalla Badia sotto la Statua della Libertà? Eh…

Al Frantoio del Cavaliere comincia la stagione della molitura delle olive

Nelle “binse”, cosi si chiamano i contenitori che portano le olive, possiamo trovare le prime olive raccolte nella stagione 2023. All’interno ci possono essere olive della varietà…

Ottobrata Zafferanese con “I Viaggi di Ulisse”

Una scommessa sul turismo è quella lanciata dai giovani coniugi Tiziana e Alfonso che hanno aperto una nuova agenzia di viaggi a Bagheria. Non una semplice agenzia,…

Una volante della polizia salva una bambina in difficoltà.

Una bambina in evidente stato cianotica e due donne in preda al panico. Questo si è presentato agli agenti della volante della Polizia che si trovavano a…

E’ morto il poeta palermitano Alfio Inserra

Domenica 30 luglio è morto a 86 anni, a Palermo, il poeta Alfio Inserra. Vivo cordoglio, non solo negli ambienti culturali, ha suscitato la scomparsa di questo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.