Rubrica religiosa: La storia di una donna dai sette mariti

Le ultime domeniche dell’anno liturgico ci invitano a considerare il futuro, le “realtà ultime” del mondo nel suo insieme, e di ciascun uomo in particolare. E’ un invito a regolare il presente in base all’esito che l‘oggi produrrà in forma definitiva nel mondo venturo.

Con l’episodio narrato dal vangelo odierno (Luca 20,27-38), il rapporto tra presente e futuro tocca un tema di forte impatto nella vita di tutti. Gli avversari di Gesù, in questo caso i sadducèi che non credevano nella vita eterna, tentano di mostrare l’inconsistenza del suo insegnamento in proposito, presentandogli un caso-limite, verosimilmente inventato. “Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. Da ultimo morì anche la donna. La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie”.


In verità, per presentare lo pseudo-problema non occorreva fare ricorso alla legge mosaica detta del levirato (a un uomo era imposto di dare discendenti al fratello defunto, sposandone la vedova): qualunque vedova che si rimariti, di quale di essi sarà moglie nell’aldilà? Né occorre precisare che la stessa domanda vale per un uomo, che in questa vita abbia contratto più di un matrimonio. Nella vita eterna, risponde Gesù, non ha più senso parlare di moglie e marito; chi raggiunge la perfezione dell’esistenza, la vive da figlio di Dio: vive cioè l’amore per Lui e per i fratelli, senza i limiti e i condizionamenti derivanti dall’avere un corpo. Non ci sarà più bisogno di dare dimostrazioni dell’amore al prossimo, né dando un pane a chi ha fame, né passando le notti al capezzale del malato, e neppure – per venire al caso in questione – attraverso l’esercizio della sessualità.


Molti pongono l’amore al centro della propria vita, intendendo però per amore l’appagamento degli istinti sessuali. Ma una tale concezione riduce il partner a uno strumento, a una “cosa” di cui servirsi. In altre parole, spesso si dà il nome di amore a quello che in realtà è una manifestazione di egoismo. Sta qui la causa, a ben guardare, del fallimento di molti matrimoni: se si concepisce il coniuge semplicemente come la persona in grado di soddisfare i propri istinti sessuali, si capisce perché, quando il coniuge non può più farlo, o si incontra chi si ritiene lo possa fare meglio, lo si accantona. L’amore invece, nell’ottica evangelica, è l’opposto: è il dono di sé, la ricerca del bene dell’altro, che nel matrimonio si esprime in grado eminente anche attraverso il rapporto sessuale. Questo vale appieno nella vita presente, quando i moti dell’anima si manifestano necessariamente attraverso il corpo; nella vita eterna, pienezza della comunione con Dio che è Amore infinito e perfetto, l’amore umano sussiste e si perfeziona, liberandosi dai limiti terreni del tempo, dello spazio, della fisicità.


”Quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito”, risponde Gesù ai sadducei. Il che non significa ignorare chi si è amato: l’amore continuerà, ma, poiché saremo immersi nell’amore di Dio, tra noi ci si amerà in altro modo, più perfetto e completo, senza aver bisogno di manifestarlo fisicamente.

Le parole di Gesù non sminuiscono il significato dell’amore fisico: anzi, ne sottintendono il valore autentico. Esso trova il suo senso e la sua bellezza nel matrimonio, nell’ambito del quale vive una perfetta espressione. Nel matrimonio, l’amore non è il fine ma un mezzo: il mezzo dato a un uomo e una donna di manifestarsi reciprocamente il dono di sé.

A cura di Giuseppe Fumia

mons. Roberto Brunelli

XXXII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C) (06/11/2022)Vangelo: Lc 20,27-38

Leggi sul “Settimanale di Bagheria”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it


  • Sciopero generale martedì 13 dicembre.
    Corteo a Palermo di Cigil e Uil da piazza Croci a piazza Verdi per manifestare contro la manovra del nuovo governo Meloni.
  • Bagheria: disagi nelle classi. Interviene il gruppo consiliare “Avanti tutta”
    Dopo la drammatica vicenda della mancanza di spazi adibiti al regolare svolgimento delle lezioni, si è registrato un altro problema ben più allarmante che si riversa direttamente sugli alunni che passano le mattine all’interno delle aule: l’assenza di riscaldamenti.
  • Il bagherese Nino Buttitta arriva ad Assisi
    Due mesi e 1300 Km insieme al suo cavallo Gandalf che trainava un carretto siciliano. La storia di un viaggio per devozione verso Assisi dopo il lungo periodo del Covid e della difficoltà di portare aventi la sua attività di ristoratore. Nino, bagherese doc, ha 44 anni e nel viaggio verso Assisi “è partito giovane
  • L’Apd Bagheria 90011mantiene la vetta in classifica
    Pur non giocando la migliore partita della stagione, il Bagheria mantiene la vetta della classifica ed allunga nei confronti delle inseguitrici che oggi non sono andate oltre il pari (Terrasini e Margheritese) e clamorose sconfitte come il Prizzi sommerso di reti dai Delfini. Una gara giocato su un campo reso pesante dalle recenti precipitazioni e
  • Calcio: Il Ficarazzi in testa nel campionato di terza categoria
    Dai Mondiali alla 3^ Categoria, beh ci vuole “panza” e passione e quella non manca, ci si alza da tavola col boccone in bocca e via per il mitico campo della Roccella, tanto famoso che il nostro Umberto Bruno, valente e guerriero giocatore degli anni che furono, per seguire il figlio Alessandro che gioca tra
  • Borsa scambio del giocattolo e del modellismo al San Paolo Palace di Palermo.
    Si è tenuta ieri, domenica 4 dicembre, presso i locali del prestigioso hotel palermitano la trentesima edizione dell’evento che richiama migliaia di appassionati, molti anche bagheresi.


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.