“Confini“ di Piero De Luca e Massimo Aiello è il miglior lungometraggio Sci-fi al Heart International Italian Film Festival.

L’ambìto riconoscimento arriva dopo una prima selezione tra circa 70 film proveniente da ogni parte del mondo e una ulteriore scrematura per i 20 finalisti.

Avere letto la trama ci pone nella scomoda posizione di non volere attendere oltre per poterne vedere un’anteprima. Inutile dire come i recenti risultati della nostra (intesa come cittadina) cinematografia, riporta la memoria di alcuni di noi ai bei fermenti culturali degli anni ’90 nel Palermitano, con nomi come Ciprì e Maresco, figli di un teatro che trova nei personaggi di ”Palermo Oh cara!” una sublimazione del surrealismo del reale.

Tornando all’opera di De Luca e Aiello, il contesto quasi esoterico di “CONFINI” introduce il delicato e purtroppo attuale tema del femminicidio. il Racconta gli ultimi istanti di vita di Myriam (Myriam Campagna) che dopo una banale lite con il fidanzato Andrea (Gregorio Laudamo) si ritrova proiettata in una dimensione diversa. Qui incontra una donna (Silvia Trigona) che con le sue domande la aiuterà a ricordare quanto accaduto ma soprattutto a tentare di aprire una porta dietro la quale è ben custodita la verità. La chiave per aprire è nelle mani del padre (Piero Caronna) che, di fronte al peggiore incubo  che un genitore possa vivere, troverà il modo di contattare la figlia ed aiutarla ad oltrepassare la soglia che la tiene prigioniera. Nel film è presente l’attrice Daniela Lo Cascio e il bagherese Rosario Gagliano oltre alle figurazioni speciali Deborah Pianelli, Leonardo Fardella, Pino Gioé e Carlotta Di Salvo. Il film è stato quasi interamente girato nei locali abbandonati della Montagnola in collaborazione con la fondazione Trigona Onlus.

Se i temi sono lontani dal surreale di Cinico tv, ci attediamo di valutare come si declina in quest’opera la componente culturale “territoriale” nell’approccio alla tragica attualità dell’argomento e al contesto in cui viene inserito per un narrazione che non sia solo cronaca degli eventi.

La cerimonia di premiazione del festival, che ha cadenza biennale, avverrà a Bologna nel 2023. “CONFINI ” è anche in finale al PICENO FILM FESTIVAL (che decreterà il vincitore a metà dicembre, dopo che la giuria  avente come presidente Ricky Tognazzi, avrà deliberato) , all’ Ostia International Film Fest e al Prisma Rome Film Fest. A Londra è invece in corsa all’interno del Lift Off di Pinewood Studios.


Leggi sul “Settimanale di Bagheria”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it




Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.