Bagheria: le forze dell’ordine rispondono alle illegalità. Fermati alcuni giovani in corso Butera.

Pare fossero in atteggiamento sospetto all’interno delle nicchie coi distributori automatici, spesso oggetto di vandalismo negli ultimi mesi. Sono intervenuti i Carabinieri che li hanno identificati. Sempre più frequente la presenza di posti di blocco in punti nodali, anche con più macchine.

La vicenda degli spari nei pressi di corso Umberto potrebbe avere segnato uno spartiacque. La Polizia sta andando a fondo sulla vicenda di una decina di giorni fa, quando due giovani non ancora identificati, a bordo di uno scooter, hanno esploso un paio di colpi da quella che ci auguriamo essere una pistola a salve, nei pressi di corso Umberto.

Da alcune indiscrezioni sarebbero state acquisite alcune immagini dai circuiti di sorveglianza di alcuni esercizi commerciali, che potrebbero risultare molto utili alla identificazione.

Nel frattempo l’attenzione delle forze dell’ordine si sono concentrare su alcune zone, che con il buio diventano terra di nessuno.

Immagine dal web

In particolare i posti di blocco in via città di Palermo in prossimità di due esercizi che hanno attirato fenomeni di mala-movida e nei pressi dei quali il consumo e lo spaccio di stupefacenti avviene a cielo aperto e anche in pieno giorno, vista l’insistenza in zona di un liceo e di un para liceo.

Corso Umberto e Corso Butera hanno beneficiato di ronde più frequenti, e l’impressione è che arrivino pattuglie di supporto da Palermo, soprattutto con il buio.

La presenza sul territorio di lampeggianti ci auguriamo possa essere da deterrente ai facinorosi e di stimolo, a chi vive la notte con il suo esercizio commerciale, ad assumere comportamenti virtuosi, a tutela della zona in cii insiste ma anche della propria immagine.

Qui dovrebbe intervenire il grande assente di tutta questa vicenda: Il Comune di Bagheria.

Il controllo di alcune ordinanze sindacali è infatti di competenza dell’ente locale, che invece è stranamente sordo ( sordissimo ) alle istanze di sicurezza del territorio, con un atteggiamento negazionista inspiegabile, tento che in una nota del SIULP, il sindacato di Polizia, se ne invocava la collaborazione.

Unica spiegazione è quella che non si vuole scontentare il mondo degli esercenti, nei confronti dei quali, un giro di vite costituirebbe un pernicioso precedente: a loro si, e agli amici no?!? Alcuni di questi locali, infatti, risultano essere punti di incontro di appartenenti ad organi comunali, proprio questi sarebbero al centro delle diatribe col vicinato, e risulterebbero essere quelli più fuori controllo.

Bagheria non è un Comune per tutti.

Ignazio Soresi

Leggi sul “Bagheriainfo.it”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

I compagni del Liceo Artistico ricordano Kevin Barreca

Il giovane Kevin Barreca morto per la furia omicida del padre, insieme al fratellino di 5 anni e alla madre Antonella, è stato ricordato questa mattina al…

Trovato il corpo di Antonella Salomone. Il marito voleva liberare la casa dal demonio.

Non ci è voluto molto per ritrovare il corpo carbonizzato di Antonella Salomone, la moglie di Giovanni Barreca, che era stato occultato in una cumulo di terra…

Tragedia ad Altavilla Milicia. Uccide la moglie e due figli. Salva la terza

Uccide nella notte la moglie e due figli, la terza riesce a salvarsi. E’ successo questa notte, intorno alle 3, ad Altavilla Milicia dove un uomo di…

Divelta la sbarra del passaggio a livello. Intervengono i carabinieri

Una sbarra del passaggio al livello di Bagheria è stata divelta. Una pattuglia dei carabinieri di passaggio è intervenuta per evitare che gli automobilisti potessero passare. Il…

Un donna dorme in macchina, si muove la macchina della solidarietà

Maria è una donna di mezza età che vive in auto davanti la Chiesa di San Pietro in Via Mattarella. Durante il giorno fa la posteggiatrice e…

Una volante della polizia salva una bambina in difficoltà.

Una bambina in evidente stato cianotica e due donne in preda al panico. Questo si è presentato agli agenti della volante della Polizia che si trovavano a…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.