Cittadinanzattiva: Casa della Salute, un passo fondamentale l’acquisto della struttura

Casa della Salute di Bagheria e paesi limitrofi, finanziamento apposito, riforme sanitarie territoriali nel tempo fino alla nuova opportunità dei fondi del PNRR con il nuova riorganizzazione sanitaria territoriale. Finalmente dopo decenni di partecipazione a peripezie, iter complessi, passaggi di competenze e attori diversi ,riforme sanitarie e leggi varie, documentazione prodotta con incontri vari a vari livelli da soli, istituzionali ed insieme ad altri, ieri sera 18/08/22, ci arriva la notizia da parte della Direzione sanitaria del Distretto, che finalmente il processo di acquisizione della struttura ex Clinica delle Magnolie, si è concluso.

Una prima tappa di fondamentale importanza per utilizzare il finanziamento apposito, per unire tutti i sevizi sanitari e non sprecare soldi in affitti, invece che in servizi destinati all’utenza e per finalmente avviare un modello di assistenza socio/sanitario territoriale, multiprofessionale e interdisciplinare, che garantisce assistenza, continuità ,efficacia ed efficienza, dentro un’unica struttura dove servizi socio sanitari e operatori confluiscono, dotata di diagnostica di base, per non essere inviati sempre in ospedale, di assistenza sanitaria di base e specialistica ordinaria e urgente, che sappia gestire anche le cronicità dentro il territorio, con servizi specialistici.

Per chiarezza.

Il progetto Casa della Salute, nasce con il D.A della Regione Sicilia del 20/10/2017,dopo il DPR del 2006 e la legge del 2012 che ha predisposto il riordino della sanità territoriale. Il fondo finanziato di 10.914.000 è stato per il 95% a carico dello Stato e il 5% da parte della Regione Siciliana.
C’era stata una prima indagine di mercato per acquisizione di un locale dentro il Distretto, da parte dell’Asp il 27/05/11,non andato a buon fine, con un’ unico partecipante, ritenuto non idoneo.

Con la delibera del 06/10/2020 l’Asp rilancia per due volte le indagini di mercato per acquisire la struttura, con tutti i servizi e obiettivi della Casa della Salute ( a cui abbiamo partecipato con il Prof di Bernardo e le direzioni dell’Asp). I 2 bandi sono andati deserti.
Dopo il primo bando deserto come gruppo ,insieme ad altri componenti del territorio, abbiamo avviato una serie di documentazione e avviato incontri a livello comunale( per competenza di territorio comunale) e altro ,per proporre l’esproprio per pubblica utilità, essendo l’immobile l’unico con i requisiti idonei, dentro un contesto di vincolo sanitario e Prg a destinazione sanitaria ,per non perdere i fondi e per l’importanza del servizio sanitario in un territorio dal punto di vista sanitario, povero e sguarnito di servizi, con costi di affitti per locali non idonei che ammontano a euro 390,37 annui, solo per il territorio di Bagheria.
Fortunatamente, “recentemente”, si è avviato un iter ai sensi di legge tra Asp e la società che gestisce l’immobile, di compra vendita del bene ,e ,oggi, finalmente l’acquisizione del bene, è diventata realtà, grazie a tutti quelli che ci hanno lavorato nel tempo e gli addetti ai lavori, facendo ognuno la propria parte.
Primo step di fondamentale importanza per costruire una sanità territoriale più dignitosa per i cittadini e più efficace.

Il nostro gruppo spera di seguire i lavori, attraverso un coordinamento ufficiale, di cui si sta occupando l’Assessore Tornatore, tra Sindaci di turno del Distretto, Dirigenza Asp, l’Associazione dei medici del nostro Distretto una rappresentanza di figure sanitarie varie e delle associazioni che si occupano di socio/sanitario, oltre a dei tecnici per i lavori.

All’interno del gruppo di Bagheria c’è Letizia Ferrante, professionista sanitaria, ospedaliera, Antonio Giacalone patologo clinico per la parte strumentale e diagnostica e Tommaso Impellitteri, ingegnere, oltre alla disponibilità di altri, che mettono a disposizione, gratuitamente per il bene comune, la propria competenza, esperienza e il loro tempo.

Incrociamo le dita e speriamo che gli obiettivi vengano portati a termine

Cittadinanzattiva Bagheria



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.