Non è uno scherzo! Non è un episodio di “ai confini della realtà”… È BAGHERIA!!!

Non è minimamente concepibile che sia diventata negli ultimi tre anni terra di nessuno e che non vi si ponga rimedio e nemmeno si provi a farlo. Non si tiri in ballo la baggianata delle telecamere, primo perché il proclama è finito e ancora non si sa se sono funzionanti o meno. Secondo perché in alcuni casi quelle private hanno immortalato gli eventi ma nessun beneficio ne sta venendo.

Il tempo perso da alcune associazioni con questa storiella, poteva e doveva essere impiegato a fianco dei cittadini che qualche iniziativa l’avevano presa. Ma rubavano la scena a personaggi il cui unico anelito è la poltrona.
Le uniche sirene che si sentono a Bagheria sono quelle delle ambulanze.

Questi episodi vanno combattuti alla radice, siamo d’accordo. Nascono da fallimenti delle istituzioni: la famiglia, la scuola, ma anche la società e le autorità locali. Oggi però intanto devi intervenire sui rami. L’amministrazione ( al momento amministratore unico) non può più in alcun modo fare finta di niente.

Si richieda un tavolo di concerto con le forze dell’ordine tutte, quelle vere e la polizia municipale, che smetta di dipingere strisce pedonali, aggiustare motorini, e andare a casa alle 20:30 come un qualunque impiegatuccio.
Devono girare macchine e personale, non si deve tollerare nessuna forma di illegalità perché devi immediatamente restituire alle strade un connotato diverso.

Il giovane Andrea che dal suo balcone del primo palazzo di via Monaco, grida illegalità ad ogni festa va sanzionato, come i suoi sodali in macchina e in bicicletta. I ragazzini molesti sul corso vanno fermati e mandati a casa. Per strada devono circolare mezzi a norma di legge con tutti i dispositivi di sicurezza e di silenziamento e il codice va rispettato ma anche l’abbandono della cicca per terra non va tollerato, e la deiezione del cane, e le carreggiate usurpate da commerciati vegetariani, ecc ecc ecc

Si chiama CIVILTÀ io lo chiamo con un neologismo “CIVISMO”.

Chiama i caschi blu, i bersaglieri, il ros, la legione straniera, chi cappero vuoi tu, ma restituisci la città ai cittadini.
Apri una qualunque finestra e senti l’eco delle marmitte di chi pensa di vivere a Scampia. Chiama gli esercenti a raccolta e non per il polo musicale, ma per un polo che non si sente nominare mai e che dovrebbe essere obiettivo di ogni amministrazione: IL POLO DELLA LEGALITÀ. E per quello non ti servono finanziamenti.

Lasciare ora per tre settimana, Bagheria senza amministrazione è l’ennesima scelta scellerata che stanno pagano tutti. I giochi di palazzo non “per” ma “contro” i cittadini. Ora rivolgiamoci alla mecca e preghiamo che qualcuno riceva l’illuminazione.

Ignazio Soresi



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

I compagni del Liceo Artistico ricordano Kevin Barreca

Il giovane Kevin Barreca morto per la furia omicida del padre, insieme al fratellino di 5 anni e alla madre Antonella, è stato ricordato questa mattina al…

Trovato il corpo di Antonella Salomone. Il marito voleva liberare la casa dal demonio.

Non ci è voluto molto per ritrovare il corpo carbonizzato di Antonella Salomone, la moglie di Giovanni Barreca, che era stato occultato in una cumulo di terra…

Tragedia ad Altavilla Milicia. Uccide la moglie e due figli. Salva la terza

Uccide nella notte la moglie e due figli, la terza riesce a salvarsi. E’ successo questa notte, intorno alle 3, ad Altavilla Milicia dove un uomo di…

Divelta la sbarra del passaggio a livello. Intervengono i carabinieri

Una sbarra del passaggio al livello di Bagheria è stata divelta. Una pattuglia dei carabinieri di passaggio è intervenuta per evitare che gli automobilisti potessero passare. Il…

Un donna dorme in macchina, si muove la macchina della solidarietà

Maria è una donna di mezza età che vive in auto davanti la Chiesa di San Pietro in Via Mattarella. Durante il giorno fa la posteggiatrice e…

Cambio al vertice della Caritas Cittadina

Lascia l’incarico di direttrice della Caritas Cittadina, Mimma Cinà, dopo sei anni di intenso volontariato. I suoi collaboratori l’hanno salutata durante una festa organizzata per l’occasione. Il…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.