Valerio Tripi allontanato da redazione “la Repubblica” Palermo dopo 20 anni di precariato. Solidarietà Assostampa

“Dopo aver fatto parte della redazione de ‘la Repubblica’ a Palermo, sin dai primi tempi dell’uscita del quotidiano in Sicilia, al giornalista Valerio Tripi non verrà rinnovato il suo contratto, come gli è stato comunicato dall’azienda l’otto dicembre scorso, quando aveva già abbondantemente superato la quota di articoli previsti dal contratto scaduto il 31 dicembre.

Un numero di articoli che ha sempre oltrepassato di molto quelli previsti da ognuno dei contratti da “cococo strutturato” che ha firmato negli ultimi cinque anni. L’azienda ha deciso di non farlo più scrivere, come è accaduto al collega Massimiliano Salvo a Genova che ogni giorno, per undici anni, ha proposto al giornale il proprio contributo: contratto da precario (con partita Iva) non rinnovato”.
Lo dice in una nota Assostampa Sicilia, che ieri ha approvato all’unanimità il documento di solidarietà al collega Tripi, nel corso dei lavori del consiglio regionale.

“Valerio ha assicurato al suo giornale qualcosa come 500 articoli all’anno, ha coperto le notizie sul Palermo calcio quotidianamente, è stato sempre pronto a scrivere sia per il quotidiano di carta che per il sito di Repubblica. Un impegno che ha superato il ventennio senza arrivare mai a una conclusione lavorativa stabilizzata – si aggiunge nel documento di Assostampa -.

Valerio deve fare i conti con la sua condizione precaria. La sua firma da giornalista vale, ma non avere un contratto di lavoro stabile non gli consente di accendere un mutuo o chiedere un prestito. E come lui sono in tanti, anche nel suo giornale. Valerio è tra i ‘giovani’ che hanno dato vita al coordinamento nazionale dei precari di Repubblica ed è da tempo impegnato nel sindacato, oggi come vicepresidente regionale dell’Ussi, l’Unione stampa sportiva italiana. Per mesi il coordinamento ha sollecitato incontri all’azienda e alla direzione del giornale – prosegue il documento approvato in consiglio regionale – . Sono proprio i giorni in cui i giornalisti italiani raccontano le storie dei riders che consegnano pizze alle famiglie murate dal covid. Ogni riga trasuda sdegno. Un rider dell’informazione, un giornalista precario, intanto pesta sui tasti del pc per un compenso che non ha alcun grado di parentela con quello percepito dal suo più anziano ‘compagno di squadra’. Stesso lavoro, stesso tempo, stesse regole deontologiche. Due galassie diverse: l’una è nella costellazione del contratto nazionale di lavoro, l’altra no. Una è tutelata. L’altra deve ogni giorno correre per mettere insieme il pranzo e la cena”.

“La storia di questi mesi è lo specchio dei tempi. Purtroppo, nonostante l’impegno Il comitato nazionale dei precari non cava un ragno dal buco. Alcuni precari quasi una ventina in tutta Italia, tra cui Valerio, insieme con Massimiliano Salvo che a Genova vive la stessa situazione, tentano allora un’altra strada per provare a vedersi riconoscere qualche diritto: l’azione legale. Un’azione – afferma Assostampa-Fnsi – sostenuta dal sindacato dei giornalisti sia nazionale che a livello territoriale dalle associazioni siciliana e ligure. Ma l’azienda ha deciso di opporsi ad ogni tipo di iniziativa, scegliendo di interrompere perfino quel contratto precario piuttosto che stabilizzarlo. Altro che tutele crescenti. Altro che modernità. O mangi sta minestra o salti dalla finestra.

È la stampa precaria, bellezza. O meglio è la stampa di oggi, senza prospettive dopo anni di lavoro precario. – conclude la nota di Assostampa Sicilia – Ma noi non ci rassegniamo. Il sindacato resta in trincea. Oltre a descriverla con sdegno ci ostiniamo ad impegnarci per cambiare la condizione di tutti i precari e dare cittadinanza al lavoro”.

(assostampasicilia.it)

Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.