Grande attesa per Kurt Elling, l’erede di Sinatra, per “Brass in Jazz 2021-2022”

Grande attesa per Kurt Elling, la leggenda contemporanea del Jazz, considerato dalla critica l’erede di Frank Sinatra, vincitore del Grammy Award, che inaugura “Brass in Jazz 2021 -2022”.

La stagione concertistica fiore all’occhiello della Orchestra Jazz Siciliana – Fondazione The Brass Group, apre il sipario al Real Teatro Santa Cecilia, ritornato finalmente a capienza piena dopo le restrizioni causate dalla pandemia.

Ad accompagnare sul palco Elling con il concerto I Have Dreamed, venerdì 12 e sabato 13 novembre, con doppio turno alle 19.00 e alle 21.30, l’Orchestra Jazz Siciliana diretta dal resident conductor Domenico Riina. Una scelta importante quella del Brass che anche quest’anno ha voluto raddoppiare i concerti in programma nella stagione.

L’aumento delle repliche dei concerti deriva da uno specifico bisogno culturale a cui la Fondazione risponde con un calendario ricco di artisti internazionali, produzioni orchestrali e prime assolute. L’inaugurazione è affidata proprio a Kurt Elling che, dotato di una considerevole estensione vocale e di un invidiabile dinamismo espressivo, è uno degli esponenti principali del rinato vocalese.

Vasto il programma proposto per la serata della inaugurazione e tra i brani proposti scorreranno le note di Steppin’ Out, I Can’t Give You Anything But Love, I Like The Sunrise, Speak No Evil, You Are Too Beautiful ed ancora Tutti for Cootie di Ellington. Nel modo di cantare del crooner statunitense, swing e poesia vanno naturalmente a braccetto, insieme a innate doti comunicative.

Vincitore lo scorso marzo appunto del suo secondo Grammy Award (su ben 14 nominations) per l’album Secrets Are The Stories, inciso per l’inglese Edition con la partecipazione del pianista di origine panamense Danilo Perez, Elling mantiene saldamente la sua posizione di incontrastata star maschile del jazz vocale, consacrata anche dalle innumerevoli vittorie nei referendum di Down Beat da oltre un ventennio a questa parte.

Nato a Chicago il 2 dicembre 1967, il cantante statunitense è entrato nel mondo del jazz dalla porta principale nel 1995 incidendo l’album Close Your Eyes per lo storico marchio Blue Note. Per la stessa etichetta ha poi registrato diversi altri dischi che ne hanno via via consolidato il peso specifico nell’ambito del jazz contemporaneo: The Messenger (1997), This Time It’s Love (1998), Live In Chicago (2000), Flirting With Twilight (2001) e Man In The Air (2003). Tra i dischi incisi invece successivamente per la Concord spicca Dedicated to You: Kurt Elling Sings the Music of Coltrane and Hartman, registrato dal vivo nel 2009 al Lincoln Center di New York e sentito tributo ad una delle collaborazioni iconiche degli anni Sessanta, quella appunto tra il sax di John Coltrane e la voce di Johnny Hartman. Album che nel 2010 si è aggiudicato il Grammy come Best Jazz Vocal Album.

Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.