Ricerca sulla leishmania nel territorio di Bagheria

L’Ambulatorio Veterinario “Città di Bagheria” ha appena concluso uno studio epidemiologico focalizzato sulla geolocalizzazione di Leishmania nel territorio bagherese e zone limitrofe. La leishmaniosi è una malattia parassitaria trasmessa da un vettore, un insetto chiamato Flebotomo o Pappatace che è simile ad una zanzara, ma non è la zanzara comune. Questo vettore, purtroppo, è presente anche negli spazi cittadini e causa la diffusione della malattia anche dentro il centro abitato.

Prodotta durante il corso di tutto il 2020, questa ricerca è stata portata avanti grazie alla stretta collaborazione tra il Dr. Gino Gagliano e il Centro di Referenza Nazionale della Leishmaniosi C.Re.Na.L. dell’istituto “Zooprofilattico” della Sicilia, nonché laboratorio di Riferimento OIE. I prelievi di sangue sono stati effettuati su di un campione casuale di 300 cani, indipendentemente dalle manifestazioni cliniche associate a Leishmania, che vivono sul territorio bagherese e paesi limitrofi e analizzati secondo il metodo ELISA.

È risultato che il 32% dei cani era affetto da leishmania, ciò significa che in questo territorio circa un cane su tre è infetto da leishmania, pur non presentando sintomi classici della malattia. Inoltre, sono stati effettuati 10 prelievi su gatti sospetti con sintomi riferibili a Leishmania che nel cane sono caratterizzati da dermatiti (infiammazione del derma) con perdita di pelo, congiuntiviti, perdita di peso.

A quanto pare alcuni di essi possono essere riferiti anche alla patologia nel gatto. Quattro gatti su dieci, infatti, sono risultati affetti da leishmania. È stata realizzata una mappa del territorio in cui sono segnate le residenze degli animali da cui è stato prelevato il campione di sangue. Questi punti appaiono di colore rosso quando l’esito del test è risultato positivo e verde quando questo è risultato negativo. I gatti invece sono rappresentati da una stella, rossa quando positivo e verde quando negativo. Grazie all’utilizzo di questa metodologia siamo in grado adesso di stabilire se esistono delle zone più ad alto rischio
di leishmaniosi.

Guardando la mappa, si può infatti evidenziare che le zone periferiche, specialmente quelle di campagna ad una quota d’altitudine maggiore rispetto alla città, dimostrano una maggiore incidenza all’infezione. Ciò si verifica perché probabilmente queste aree sono più adatte alla riproduzione e sopravvivenza dell’insetto vettore della malattia.

Visti i risultati, è importante proteggere il più possibile i nostri amici a quattro zampe dal contagio. Per fare ciò consigliamo una buona protezione antiparassitaria, e ricordiamo che al giorno d’oggi esiste una prevenzione vaccinale contro Leishmania di cui l’ambulatorio dispone. Infine, la ricerca ha evidenziato che circa il 10% dei cani affetti da leishmania, non presenta alcun sintomo. Per questo è bene testarli periodicamente. La diagnosi precoce di questa malattia è un dato molto importante per una buona prognosi. In questi casi, infatti, si può trattare la patologia con dei farmaci definiti “ Leishmanio – statici ” piuttosto che utilizzare delle terapie aggressive ed impegnative sia per il cane che per il proprietario.

Dottore Gino Gagliano

Ti consigliamo di visionare:

2 pensieri riguardo “Ricerca sulla leishmania nel territorio di Bagheria

  • 24 Marzo 2021 in 12:14
    Permalink

    Buon giorno, la mappa con i puntini rossi risulta confusa e di difficile interpretazione.
    Sarebbe possibile avere un file kmz
    Anticipatamente grazie

    Rispondi
    • 25 Marzo 2021 in 7:04
      Permalink

      Può chiedere direttamente al veterinario che ha fatto la ricerca.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.