Evento religioso-culturale a villa Palagonia. Presentato il Crocifisso restaurato e patrocinato dal Rotary Club

È stato presentato ai fedeli e alla cittadinanza il pregevole Crocifisso ligneo del ‘700, reduce da un delicato intervento di restauro eseguito con le più moderne tecnologie e grazie al sostegno finanziario e al patrocinio del Rotary Club Bagheria presieduto da Giorgio Castelli.

Il Crocifisso, che ha occupato per decenni una parete della sacrestia della Cappella di Palazzo, è stato restaurato dal laboratorio di restauro del Museo Diocesano di Palermo diretto da Mauro Sebastianelli e quindi ricollocato nella cappelletta laterale di sinistra, dove stava prima di essere “esiliato” in sacrestia.

Con il restauro di quest’opera è stato esaudito un antico desiderio di padre Salvatore Lo Bue, rettore della chiesa dell’Assunta, cui piangeva il cuore ogni volta che, volgendo lo sguardo a quel Crocifisso, ne osservava le fattezze snaturate da tutta una serie di rifacimenti e di restauri mal
concepiti e altrettanto malamente operati nel corso di circa due secoli, a cominciare dal primo, eseguito verso la fine del XVIII secolo, per finire con quello di fine Anni 50 del secolo scorso.

“Gli strati sovrapposti di vernice – racconta padre Lo Bue – avevano ispessito il manufatto e ne avevano cancellato i particolari anatomici e i pregevoli elementi artistici”. “Interventi eseguiti rozzamente – aggiunge il rettore – avevano cancellato, nascosto i segni della passione e addirittura turato la bocca del Cristo che, dopo il restauro, è riemersa in tutta la
sua bellezza rendendo straordinariamente visibili i denti e perfino la lingua”.

Esauditore dei desiderata di padre Lo Bue l’onnipresente, beneficente, Rotary Club Bagheria il quale riesce ad esprimere sempre straordinaria e meritoria valentia sia che la sua azione venga diretta al servizio degli ultimi, sia che intraprenda imprese d’arte e di cultura.

Certo di trovare valido supporto nel Rotary e fortemente intenzionato a fare riaffiorare in quel Crocifisso dal volto sofferente e al contempo meraviglioso, i nascosti segni del dolore, il dolore che salva l’umanità, padre Lo Bue due anni fa si rivolge all’amico e abituale frequentatore della cappella nonché segretario (allora) del sodalizio, dottore Giorgio Castelli,
il quale a sua volta coinvolge il presidente Antonio Fricano.

L’opera di restauro, che in prosieguo sarebbe stata purtroppo alquanto frenata dall’emergenza Covid-19, ha quindi immediatamente inizio e si conclude felicemente. Nella pagina accanto pubblichiamo la cronaca della presentazione.

Giuseppe Fumia



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.