Sfoglia il giornaleLeggi il giornale comodamente

“Le Vie dei Tesori”: Bagheria la città più “gettonata”. Settemila i visitatori nei primi sette giorni

Settemila visitatori in sette città, grandi e piccole, ottanta luoghi aperti, le passeggiate pressoché esaurite ovunque, nonostante la domenica abbia dovuto fare i conti con il maltempo. Le “Vie dei Tesori” archivia il suo
primo weekend registrando una buona affluenza soprattutto nella “debuttante” Bagheria e nelle tre città del Trapanese: le veterane Trapani e Marsala, tallonate dall’altra debuttante, Mazara; seguono Messina e Caltanissetta, alla loro quarta partecipazione al festival, chiude il borgo-gioiello di Sambuca, e nel terzo weekend si aggiungerà anche Naro.

Per quanto riguarda Bagheria ve detto che nonostante un clima non favorevole e la particolare congiuntura legata al Covid, “Le vie dei Tesori” a Bagheria, nella prima delle tre settimane previste da programma, è stata un successo. Il primo weekend del festival dedicato alle visite al patrimonio culturale dell’Isola ha registrato una buona affluenza nella “debuttante”
Città delle Ville.

Le passeggiate turistiche si sono svolte con ingressi contingentati tenendo conto di tutte le regole anti-contagio ed indossando rigorosamente la mascherina, e pur mancando gli studenti e con una ridotta presenza di turisti stranieri, si può decretare che la prima settimana, sia stata un successo.

Ognuno dei 10 luoghi/tesoro bagheresi ha sortito grande curiosità tra i visitatori che oltre a spiegazioni sul luogo hanno potuto utilizzare delle audio-guide scaricabili su smartphone fruendo così i beni monumentali con una nuova modalità. Tra i visitatori, soprattutto siciliani, famiglie, coppie e anche diversi bambini che hanno visitato Bagheria con nuovo slancio.

Da Villa Cattolica, sede del Museo Guttuso a palazzo Butera dove si poteva ascoltare la storia del delizioso soffitto dell’affresco nella sala Borremas o della sala delle Formelle, dalla Bottega di uno degli ultimi decoratori di carretto Michele Ducato alla chiesa Maria Santissima Addolorata, di cui ricorre oggi il giorno della festa della Santa patrona di Aspra, dove sono custoditi giovanili affreschi del maestro bagherese Renato Guttuso, dalle maestose villa Rammacca e palazzo Villa Rosa per finire con una passeggiata lungo i viale del lussureggiante giardino settecentesco all’italiana di villa San Cataldo i visitatori hanno riscoperto Bagheria.

Successo anche per i due musei privati: il museo delle acciughe nel borgo marinaro di Aspra e il museo del giocattolo e delle Cere nella Certosa di palazzo Butera. Particolare interesse ha riscosso, anche tra i bagheresi per la casa d’artista “ Oasi Blu” a molti ancora non nota. La nobile Baarìa quella dei salotti culturali dove crebbe Guttuso, quella del cinema di Tornatore con la ricca sezione della cartellonistica cinematografica a villa Cattolica, quella dei nobile e delle storiche ville, è stata riscoperta in questa sua prima partecipazione a Le Vie dei Tesori non senza qualche sorpresa.

«Per chi li ha già visti questi luoghi vale la pena di rivisitarli con nuovi occhi ed una nuova modalità di fruizione, per chi non li ha visti sarà una
scoperta» – dice il sindaco di Bagheria Filippo Maria Tripoli che invita tutti
coloro che vorranno scoprire Bagheria a tornare al prossimo week end.
«La riuscita di questa prima settimana de Le vie dei Tesori è un successo di tutta la squadra, assessori che ognuno secondo le sue deleghe si è impegnato nella riuscita dell’evento e anche dipendenti comunali, oltre che dell’ottima organizzazione de Le Vie dei Tesori» – dice l”assessore alla Cultura Daniele Vella che per tutto il week end ha fatto da cicerone accompagnando turisti e ospiti quali il deputato e presidente della Commissione Cultura, Scienza ed Istruzione della Camera dei Deputati Vittoria Casa.

Intanto continua l’azione dell’assessorato al Turismo e Attività produttive guidato da Brigida Alaimo per il coinvolgimento dei ristoratori non solo per un’offerta legata alla manifestazione in corso ma per un più vasto progetto di marketing territoriale. Dopo la riunione di venerdì scorso, 11 settembre, dove alcuni ristoratori hanno apprezzato l’iniziativa di essere coinvolti in tali progetti, oggi partirà una nuova comunicazione per tutti coloro che vogliono aderire.

La partecipazione è aperta a tutti, chi non dovesse ricevere l’email, può contattare l’ufficio turismo comunicando la propria disponibilità all’indirizzo turismo@comune.bagheria.pa.it.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.