La discesa del Kafara ridotta ad un immondezzaio dai gozzoviglianti della domenica

Questa volta non c’entra niente l’amministrazione comunale con le condizioni in cui è ridotta la discesa verso la spiaggia del Kafara.

Peraltro, dopo la riapertura al pubblico la scalinata era stata pulita e in spiaggia sono stati collocati decine di ombrelloni a disposizione di bagnati.

Rifiuti d’ogni genere, sacchetti con rimasugli di pranzi consumati sulla battigia, bottiglie e piatti di plastica.

E’ lo stato in cui è stata ridotto il passaggio dai gozzoviglianti della domenica, all’indomani della giornata festiva.

Proteste si sono levate da parte dei cittadini che frequentano il luogo, i quali però dovrebbero vigilare a loro volta.

Il Pungolo di Bagheria

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.