Sfoglia il giornaleLeggi il giornale comodamente

A Bagheria una sezione di Slow Food

Nasce a Bagheria una sezione di Slow Food. La decisione a seguito della consegna da parte di Laura Elici, fiduciaria della Condotta Slow Food di Palermo della bandiera con l’ambita “Chiocciola” consegnata ad Adalberto Catanzaro con cui è stata ufficializzata la sua carica di responsabile della sezione Slow Food Bagheria.

Nel corso della serata è anche stata annunciata ufficialmente la nascita della “Comunità dei Panificatori dello sfincione bianco di Bagheria”. Attualmente ne fanno parte i maestri panificatori: Maurizio Valenti, Massimo Scaduto, Giampiero Pecoraro, Carlo Conti, Vita Gagliano e Gaetano Morici.

Il riconoscimento si è concretizzato nel corso di una interessante serata alla quale hanno partecipato con il loro intervento il sindaco di Bagheria, Filippo Tripoli, il presidente del consorzio Apo Sicilia, Antonio Fricano, il responsabile del marketing agroalimentare dell’Assessorato regionale dell’Agricoltura, Pietro Miosi, il direttore tecnico del Gal Metropoli Est, Salvatore Tosi e Mario Indovina, componente del Consiglio Nazionale e del Comitato Esecutivo Regionale Slow Food.

Il presidente della Piana d’Oro, in qualità di soggetto facilitatore, Michele Balistreri, è stato nominato portavoce della comunità. “La Comunità è intesa aperta all’ingresso e alla partecipazione di altri maestri panificatori – afferma Michele Balistreri – che manifesteranno la volontà di aderire, rispettando il disciplinare di produzione che sarà reso noto alla presentazione ufficiale, calendarizzata nel prossimo mese di ottobre”.

All’interno delle attività culturali che sono state organizzate dall’Associazione “La Piana D’oro” per la terza edizione del Verdello Fest, si è svolta a Villa Palagonia, la serata Slow Food, nella quale si sono evidenziate le strategie per tutelare i prodotti del nostro territorio come il “Limone Verdello” o lo “Sfincione bianco”.

I temi dell’edizione 2019 sono stati la sostenibilità ambientale del limone Verdello di Bagheria e il recupero della memoria dell’identità contadina.

(pig) Pino Grasso

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.