Sfoglia il giornaleLeggi il giornale comodamente

Casteldaccia, celebrata la prima edizione del premio “Topazia Alliata”

lauramollicaGrande successo di pubblico sabato 12 novembre nella Torre Duca di Salaparuta di Casteldaccia, in occasione della cerimonia di premiazione del Premio topazia Alliata alla sua prima edizione.

A ricevere il premio (una targa realizzata dal Comune), dalle mani della scrittrice Dacia Maraini, primogenita di Topazia, la cantante di etnomusica Laura Mollica. Eccone la motivazione: “A Laura Mollica, per il suo infaticabile lavoro di ricerca nel campo della canzone e della poesia siciliana, che, unito alla sua splendida voce, contribuisce, da tempo, a mantenere vivo un ricco patrimonio di cultura e tradizioni, facendosi veicolo di identità siciliana nel mondo”.

Prima della consegna della targa l ‘assessore alla Cultura marzia Santoro ha ricordato le motivazioni dell’istituzione del premio, che ha anche ricevuto il patrocinio della presidenza della Camera, e tutti gli sponsor che hanno avuto il piacere di contribuire all’evento, tra cui le cantine Corvo Duca di Salaparuta, che hanno fornito il vino Ala, un vino liquoroso legato alla figura di Sonia, la madre di Topazia, che amava berlo accompagnandosi con squisiti cioccolatini.

La giornalista Maria Luisa Florio ha ricordato la figura di Topazia Alliata, donna controcorrente, moderna, pittrice, imprenditrice e gallerista, invitando i presenti a visitare la mostra appena inaugurata a palazzo S. Elia a Palermo a lei dedicata. Giuseppina Seidita, past presidente nazionale Fidapa, ha parlato invece della difficile situazione del lavoro al femminile in Sicilia, in cui, malgrado tutto, cresce la piccola imprenditoria al femminile.

La scrittrice Dacia Maraini, ha ricordato la sua infanzia a Casteldaccia, alla Torre, l’odore del vino e le botti all’entrata, ma anche la corsa dei cavalli.

Ha detto che sua madre sarebbe stata molto contenta dell’istituzione del premio a lei dedicato. Infine, la cantante Laura Mollica, dopo essere stata omaggiata, assieme alla Maraini, di alcuni doni di due ceramisti e della presidente di un’associazione locale, ha deliziato l’uditorio con alcune canzoni del suo repertorio dando appuntamento alla prossima edizione.

(foto Nino Bellia)

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.