Contrada Monaco discarica a cielo aperto. Interviene AMB, ma sembra tempo perso.

Contrada Monaco è una piccola discarica a cielo aperto e AMB non fa in tempo a togliere la spazzatura che a poche ora ritornano i sacchetti. La Via Maggiore Toselli era un lungo percorso tra mille sacchetti e rifiuti abbandonati.

Amb interviene e ripulisce la zona dai rifiuti con interventi anche costosi, ma sembra che poco importa e si continua a buttare rifiuti poco dopo.

Risolvere il problema può passare da due strade: la prima è l’educazione ed il senso civico delle persone che continuano e si ostinano a non differenziare correttamente i rifiuti; la seconda con un mirato servizio di vigilanza che punisca implacabilmente chi abbandona i rifiuti.

Nel primo caso il percorso educativo deve essere affrontato in diversi modi per raggiungere sia i bambini con il sistema scolastico ( sono il futuro) e sia i genitori che hanno un limitato senso del bene comune. La seconda passa per i controlli e le multe. In entrambi i casi la società sembra incapace di agire. Educare impone un percorso formativo a lungo periodo difficile da realizzare se non si cambiano i servizi sociali ed i rapporti con l’associazionismo. Punire deve essere un sistema puntuale ed utile. Se fai la multa a chi non paga la Tari perchè non paga nulla, non lo punisci, lo inciti. Se, invece, lo punisci con lavori sociali obbligatori ed in mancanza con qualche settimana di patrie galere allora la storia cambia, ma l’Italia non è in grado di fare ciò. Troppo impegnata in altre emergenze…

Mi viene in mente il caso degli hooligan inglesi che il governo britannico ha riportato all’ordine con una legge ad hoc che li mandava in galera, senza passare dal via (tipo monopoli), se pescati, dentro e fuori dallo stadio, a fare azioni violente.

Questo è il limite italiano delle “punizioni” a chi commette un piccolo reato come quello ambientale. Non riesce a punirlo e chi riceve la punizione si mette a ridere in faccia alla legge, qui rappresentato da un vigile urbano, un carabiniere o un poliziotto. Con tanta pace del quartiere e di chi ci abita.



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.