LE VIE DEI TESORI RITORNA A BAGHERIA

Le Vie dei Tesori ritorna a BAGHERIA il suo terzo anno consecutivo Due edizioni di successo, è stata tra le città più visitate dal suo debutto. Apre la Sicilcalce, l’“ecomostro” abbandonato alle spalle di Villa Cattolica, che si visiterà con gli ex lavoratori. Poi una stranissima villa fortificata, un giardino segreto, i musei gioiello, le foto di Mimmo Pintacuda. Esperienze e passeggiate tre weekend | 10 > 25 settembre

Le Vie dei Tesori ritorna a BAGHERIA il suo terzo anno consecutivo. E ogni edizione è stata un successo, dal debutto entusiasmante del 2020 confermato l’anno scorso quando ha collezionato oltre quattromila presenze. E quest’anno si replica con un’edizione che guarda ancora più al territorio: sarà infatti possibile visitare uno dei “mostri” industriali più incombenti della zona, la fabbrica dismessa della Sicilcalce che chiunque visiti il Museo Guttuso e Villa Cattolica, si trova dinanzi. L’azienda che produceva calce viva e intonaci ha lavorato fino alla fine degli anni ’90: entrando, le grandi strutture in ferro – i forni, i mulini e i silos – sembrano far parte del relitto di una nave. Il cemento, il ferro e il bianco latte della calce sembrano stridere con le morbide movenze settecentesche di Villa Cattolica: si potrà visitare anche con la guida di chi qui ha lavorato.

“Per il terzo anno Bagheria partecipa alle Vie dei Tesori: ci abbiamo creduto sin dall’inizio e crediamo di aver avuto ragione – dice il sindaco Filippo Maria Tripoli intervenendo alla presentazione della rassegna, avvenuta proprio di fronte all’ex fabbrica dismessa -, raccogliendo la disponibilità di privati straordinari che hanno affiancato il pubblico. Siamo alla Sicilcalce che è un luogo simbolico per Bagheria: speriamo presto di potere acquisirlo al patrimonio comunale per trasformarlo in un sito culturale”.

“La realizzazione del programma è frutto di un lavoro di squadra – spiega l’assessore alla Cultura Daniele Vella -, che ha potuto contare sull’apporto di numerose realtà private che hanno aperto le loro porte. I bagheresi potranno scoprire siti che non conoscono e i turisti apprezzare un territorio straordinario”.
Sulla Sicilcalce interviene l’assessore alle Politiche sociali, Emanuele Tornatore .

“In questo luogo che sembra il relitto di una nave ed è di fatto un ecomostro, si potrà condurre un’esperienza legata alla produzione e al lavoro di tante famiglie. Da qui si vede Monte Catalfano, gli ultimi agrumeti, Villa Cattolica: non solo contraddizioni, ma il racconto di una storia che non c’è più”.
E saranno proprio gli ex lavoratori della Sicilcalce a condurre le visite alle 17 di domenica 11 e domenica 18 settembre e di sabato 24 settembre. Un vero viaggio nella memoria attraverso i ricordi di chi ha vissuto questo luogo.

“Le Vie dei Tesori non apre soltanto luoghi belli, ma restituisce la memoria e l’identità ai cittadini. Come nel caso della Sicilcalce che è veramente un sito simbolico, quasi scandaloso per la sua posizione accanto a una villa settecentesca, ma che ci dice tanto e racconta una storia” – dice Laura Anello, presidente della Fondazione Le Vie dei tesori.
Il programma del festival – curato sul territorio da Agostino D’Amato – è molto articolato e racchiude castelletti fortificati, ville storiche che aprono per la prima volta al pubblico, case d’artista, piccoli musei gioiello, ricostruzioni in 3D e persino un focus sull’ ultimo Monsù, l’antenato dello “chef” delle famiglie nobiliari, oltre ad una grande mostra sul fotografo Mimmo Pintacuda, raccontato dal figlio Paolo a Villa Cattolica; esperienze nella natura e sortite fuori porta nel mare di Santa Flavia e Porticello. Si parte sabato 10 settembre e si va avanti per tre weekend, sempre sabato e domenica, fino al 25 settembre. Il programma, le info e le schede dei siti su www.leviedeitesori.com

Tre weekend, per un nuovo festival di “riappropriazione della bellezza”, che cerca di scrollarsi di dosso le restrizioni e le paure post covid: per due anni, quando la pandemia ha costretto festival e rassegne a rimandare o rinunciare ai programmi, Le Vie dei Tesori ha scelto di provarci lo stesso, riscrivendo ogni visita e ogni percorso nel segno della sicurezza, privilegiando luoghi all’aperto, sostituendo le visite guidate con audioguide d’autore ascoltabili dal proprio smartphone. Oggi che la normalità sembra riacquistata, si torna felicemente allo storytelling nei luoghi, alle visite condotte dai giovani, al racconto delle comunità che si riappropriano degli spazi.

E quest’anno Le Vie dei Tesori sono di nuovo pronte alla sfida: con i Borghi dei tesori che hanno fatto per la seconda volta da apripista –piccoli centri riuniti in una rete sotto l’egida della Fondazione Le Vie dei Tesori sposandone il format; si è appena concluso il festival che ha aperto le porte a una folla festante di visitatori, offrendo chiese, castelli, monasteri, sorgenti, cantine e tanto altro – ecco le prime otto città del 2022 pronte a scendere in campo. Le prime a settembre: oltre a Bagheria, le tre “cavaliere” del Trapanese, (Trapani, Mazara e Marsala), Enna, Caltanissetta e Messina. E Termini Imerese, che ha appena promosso un programma bellissimo che comprende anche la riapertura delle terme romane, dopo parecchi decenni, e del Grand Hotel delle Terme, chiuso da oltre dieci anni; i coupon sono validi nei confini della stessa provincia, quindi a Bagheria e Termini, ma anche a Carini, Cefalù e Palermo che fanno parte della seconda tranche di festival, in ottobre, con Alcamo, Ragusa e Scicli, e Catania. Un festival che ha portato la cultura fuori da palazzi istituzionali e atenei, ha sperimentato, cercato, scoperto percorsi e siti: ed è cresciuto ogni anno.

Riconquiste per i cittadini e occasioni imperdibili per i turisti. Ma è soprattutto una manifestazione che costruisce reti: con Unicredit come main sponsor – “Siamo la banca del territorio – dice Luigi Giudice, direttore della sede di Bagheria -, prima come Banco di Sicilia poi come Cassa di Risparmio, oggi Unicredit: siamo testimonial di noi stessi, al fianco dei nostri clienti. E l’apporto al festival è stato naturale” -, Le Vie dei Tesori ha saputo creare sinergie e dialogo, quest’anno anche con il sostegno di Poste Italiane, poi Regione, Atenei, Comuni, Diocesi, gestori privati, istituzioni dello Stato, proprietari di palazzi nobiliari. Un progetto che si anima della narrazione collettiva, della voglia di riappropriazione dei cittadini, della partecipazione delle centinaia di giovani che ogni anno si uniscono alla squadra di organizzatori, narratori, esperti del territorio, giornalisti che si mettono in gioco per “far parlare” i luoghi.

Il sito www.leviedeitesori.com è una miniera dove trovare schede, fotografie, aneddoti e curiosità, sfogliare il magazine e programmare le proprie visite, sempre in modalità 4.0. e così anche i social del festival, che ottengono sempre migliaia e migliaia di visualizzazioni e condivisioni. Un festival smart, veloce, comodo, che viaggia sugli smartphone: prenotazioni ovunque caldamente consigliate, acquisto dei coupon on line.

È stata istituita ovunque la prenotazione on line, che non è obbligatoria ma caldamente consigliata: per quel che riguarda le visite nei luoghi basterà acquisire il coupon su www.leviedeitesori.com o all’info point allestito a Villa Cattolica – Museo Guttuso, via Ramacca, 9, dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18. Per passeggiate ed esperienze, prenotazioni e coupon su www.leviedeitesori.com o (senza la garanzia di trovare posto) sui luoghi di raduno.

I LUOGHI DI BAGHERIA
La Sicilcalce è di sicuro il luogo più atteso dai bagheresi, ma non bisogna lasciarsi scappare il resto. Undici luoghi e otto esperienze da non perdere, non solo a Bagheria ma anche nei dintorni visto che si ritorna in quel luogo incantato che è l’Arco azzurro, e bisogna andarci anche se non si è innamorati: anche questo è un luogo recuperato e restituito alla comunità dopo la confisca alla mafia.

Porticello invece, offrirà le gite in barca e le immersioni, e Santa Flavia una stranissima “villa fortificata” mai aperta al pubblico: Castello San Marco fu edificato a fine ‘600 attorno a una torre di artiglieria cinquecentesca, come dimora estiva dei principi di Mirto e dei conti di San Marco che vollero che l’architetto mischiasse elementi delle fortificazioni militari con altri tipici delle residenze di campagna.

Ne è venuto fuori un ibrido: bastioni, feritoie, persino un ponte levatoio ancora funzionante, che intrigò persino Giuseppe Tomasi di Lampedusa che qui visse durante la guerra. Poi l’Arco del Padreterno che altro non è se non uno degli ingressi trionfali della settecentesca villa Palagonia: il principe Francesco Ferdinando Gravina vi mise a guardia (tutt’ora visibili) sette improbabili e bizzarri gendarmi ussari, in alta uniforme, realizzati in tufo, come l’intero monumento.
Poi la chiesa del Sepolcro con il suo prospetto neogotico e l’altare barocco che proviene dalla chiesa di San Giacomo, demolita nel 1860 dopo la rivolta della Gancia.
Poi la dimora storica settecentesca Cirrincione-Mineo dove visse l’ultimo monsù, Mario Lo Menzo che qui – tra gli arredi d’epoca – è raccontato nella mostra “Mani innamorate”, a cura di Sabrina Gianforte.

Bagheria è città di villa nobiliari e questo si sa: ecco che a Palazzo Cutò le residenze della storica “villeggiatura” sono ricostruite virtualmente in 3D, seguendo un progetto della pittrice bagherese Caterina Guttuso, presidente dell’associazione Anthemion.

Villa Cattolica ospita una bellissima mostra che aprirà proprio per il Festival: “Mimmo Pintacuda, il testimone discreto” che racconta il maestro e mentore di Peppuccio Tornatore (che a lui si ispirò per il personaggio di Alfredo in Nuovo Cinema Paradiso. Ma Pintacuda è stato uno tra i più importanti fotografi dello scorso secolo, citato dai Fratelli Alinari: la mostra racchiude un corpus di scatti tra il 1965 e il 2010, ed è curata dal figlio Paolo, scrittore e sceneggiatore che sta pubblicando la biografia inedita del padre attingendo a materiali preziosi dall’archivio di famiglia comprese le lettere autografe dell’amico Renato Guttuso. Tra le novità di quest’anno anche il giardino settecentesco di Villa San Cataldo, ricco di fiori e piante di pregio, pini secolari e ampi viali, sedili e torri di vedetta.
Sarà visitabile anche una parte interna della villa e si potrà scendere una scala a chiocciola chiusa da anni, riportata alla luce dal Lions Club che qui ha creato un living lab aperto ad associazioni, scuole e amministrazioni. Ritorna il piccolo e delizioso Museo del Giocattolo dove ci si perderà tra bambole in pannolenci, pupattole in biscuit, carrozzine in alpacca. E una sorpresa arriva da Aspra dove l’anno scorso le donne si erano messe in gioco e avevano inventato un nuovo modo di raccontare la borgata: “Portami ad Aspra” è diventato un vero museo en plein air costruito sui racconti dei residenti.

ESPERIENZE.
Diventa un’esperienza la visita alla bottega dell’ultimo pittore di “masciddara”, Michele Ducato ha come “amici” Angelica e il paggio Medoro oppure Astolfo che cerca sulla luna il senno di Orlando, oltre a santi e cavalieri, saracini e crociati: con la sua guida si potrà dipingere un oggetto in stile; e anche la visita al Museo dell’Acciuga dove si racconta il mondo “povero” della pesca e della salagione.

E, quasi collegata, ecco la sortita da Nonno Pino U’Barunieddu che produce conserve in cui nasconde una stranissima ma sublime “crema di sfincione” e altre prelibatezze. Poi l’Oasi Blu, inattesa casa d’artista scoperta e resa famosa proprio dalle Vie dei Tesori, una wunderkammer sorprendente tra cappelle votive, altari ai viaggiatori illustri, memorabilia raccolte da un ex ferroviere prestato all’arte. Che offrirà la visita di stanza inedite sulla scia della voce morbida di un mezzosoprano…

Un’altra sortita attesa sarà quella alla storiche cantine della Duca di Salaparuta, a Casteldaccia, affacciate sul mare, dove si racconta una storia iniziata nel 1824, fatta di passione per le sfide e di attenzione per la natura e il territorio. Si visita la bottaia, l’innovativa sala di degustazione e l’inaspettata enoteca.
Ritornano anche due esperienze tra le più gettonate dello scorso anno, che andarono quasi subito sold out: le escursioni in barca a vela nel golfo di santa Flavia, costeggiando il waterfront e arrivando al castello di Solanto; e le immersioni con la guida di un sub esperto, un vero battesimo del mare pensato solo per il festival.

Informazioni: 091 842 0004, tutti i giorni 10-18 www.leviedeitesori.com

Ufficio stampa Comune di Bagheria
Marina Mancini

Leggi sul “Settimanale di Bagheria”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it


  • Sciopero generale martedì 13 dicembre.
    Corteo a Palermo di Cigil e Uil da piazza Croci a piazza Verdi per manifestare contro la manovra del nuovo governo Meloni.
  • Bagheria: disagi nelle classi. Interviene il gruppo consiliare “Avanti tutta”
    Dopo la drammatica vicenda della mancanza di spazi adibiti al regolare svolgimento delle lezioni, si è registrato un altro problema ben più allarmante che si riversa direttamente sugli alunni che passano le mattine all’interno delle aule: l’assenza di riscaldamenti.
  • Il bagherese Nino Buttitta arriva ad Assisi
    Due mesi e 1300 Km insieme al suo cavallo Gandalf che trainava un carretto siciliano. La storia di un viaggio per devozione verso Assisi dopo il lungo periodo del Covid e della difficoltà di portare aventi la sua attività di ristoratore. Nino, bagherese doc, ha 44 anni e nel viaggio verso Assisi “è partito giovane
  • L’Apd Bagheria 90011mantiene la vetta in classifica
    Pur non giocando la migliore partita della stagione, il Bagheria mantiene la vetta della classifica ed allunga nei confronti delle inseguitrici che oggi non sono andate oltre il pari (Terrasini e Margheritese) e clamorose sconfitte come il Prizzi sommerso di reti dai Delfini. Una gara giocato su un campo reso pesante dalle recenti precipitazioni e
  • Calcio: Il Ficarazzi in testa nel campionato di terza categoria
    Dai Mondiali alla 3^ Categoria, beh ci vuole “panza” e passione e quella non manca, ci si alza da tavola col boccone in bocca e via per il mitico campo della Roccella, tanto famoso che il nostro Umberto Bruno, valente e guerriero giocatore degli anni che furono, per seguire il figlio Alessandro che gioca tra
  • Borsa scambio del giocattolo e del modellismo al San Paolo Palace di Palermo.
    Si è tenuta ieri, domenica 4 dicembre, presso i locali del prestigioso hotel palermitano la trentesima edizione dell’evento che richiama migliaia di appassionati, molti anche bagheresi.


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:




Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.