BAGHERIA: Operazione “Quattro assi” con perquisizioni e sequestri del Noe

I Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico di Palermo, coadiuvati dai militari del Comando Provinciale di Palermo, hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione personale e locale e di sequestro, emesso dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese, nei confronti di sei soggetti bagheresi e palermitani sospettati di aver realizzato una vera e propria attività organizzata volta alla ricezione, trasporto, raccolta, smaltimento, trattamento e incendio di rifiuti misti derivanti da attività di demolizione e costruzione, provenienti da diversi cantieri edili siti nei comuni dell’hinterland palermitano e affidati per lo smaltimento a due imprenditori bagheresi, nonché gestori di due distinte aree di smaltimento illecito di rifiuti ubicate entrambe nel Comune di Bagheria.

I provvedimenti rientrano nell’ambito dell’attività investigativa convenzionalmente denominata “Quattro assi”, scaturita da una segnalazione di sistematico abbandono di rifiuti speciali e non in un’area rurale del comune di Santa Flavia e condotta dai Carabinieri del Noe, anche mediante ausili tecnici, nel periodo compreso tra il mese di agosto 2021 e marzo 2022.

Le indagini hanno consentito di individuare non solo la filiera del ciclo dei rifiuti prodotti dai cantieri edili insistenti nei Comuni di Bagheria, Casteldaccia, Altavilla Milicia, Santa Flavia, Palermo, Ventimiglia di Sicilia, le cui ditte consegnavano gli scarti e gli sfabricidi a uno dei due imprenditori bagheresi indagati, ma anche di accertare che uno smaltiva i rifiuti in totale spregio della normativa ambientale, talvolta reimpiegandoli come materiale da riempimento, altre volte scaricandoli e compattandoli direttamente sul suolo della propria area e di altre aree private site in zone rurali o ancora all’interno di una cava sita nel Comune di Belmonte Mezzagno.
Oltre ai reati di gestione illecita e combustione illecita di rifiuti, l’A.G. contestava altresì agli indagati il reato di inquinamento ambientale.

Poste sotto sequestro due aree private site a Bagheria, dell’ampiezza di circa 500 mq cadauna, adibite allo stoccaggio e illecito smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non, riconducibili ai due prefati imprenditori bagheresi; la cava “Valle Fonda” di Belmonte Mezzagno, della superficie di circa 79.000 mq, ove venivano illecitamente conferiti detti rifiuti; sei autocarri (di cui uno circolante, benché gravato da provvedimento di fermo amministrativo), utilizzati dagli indagati per l’illecito trasporto dei rifiuti;

I beni in sequestro, il cui valore economico si aggira sui 2.500.000 euro, sono stati affidati in giudiziale custodia agli aventi diritto, in attesa delle determinazioni dell’Autorità giudiziaria.

Pino Grasso



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

I compagni del Liceo Artistico ricordano Kevin Barreca

Il giovane Kevin Barreca morto per la furia omicida del padre, insieme al fratellino di 5 anni e alla madre Antonella, è stato ricordato questa mattina al…

Trovato il corpo di Antonella Salomone. Il marito voleva liberare la casa dal demonio.

Non ci è voluto molto per ritrovare il corpo carbonizzato di Antonella Salomone, la moglie di Giovanni Barreca, che era stato occultato in una cumulo di terra…

Tragedia ad Altavilla Milicia. Uccide la moglie e due figli. Salva la terza

Uccide nella notte la moglie e due figli, la terza riesce a salvarsi. E’ successo questa notte, intorno alle 3, ad Altavilla Milicia dove un uomo di…

Divelta la sbarra del passaggio a livello. Intervengono i carabinieri

Una sbarra del passaggio al livello di Bagheria è stata divelta. Una pattuglia dei carabinieri di passaggio è intervenuta per evitare che gli automobilisti potessero passare. Il…

Un donna dorme in macchina, si muove la macchina della solidarietà

Maria è una donna di mezza età che vive in auto davanti la Chiesa di San Pietro in Via Mattarella. Durante il giorno fa la posteggiatrice e…

Una volante della polizia salva una bambina in difficoltà.

Una bambina in evidente stato cianotica e due donne in preda al panico. Questo si è presentato agli agenti della volante della Polizia che si trovavano a…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.