Nell’epoca dei furbetti: “La pausa del caffè è un rito o un reato?”

Nell’epoca dei furbetti, in cui un numero imprecisato di lavoratori si allontana impunemente dall’ufficio per concedersi lunghe soste o sbrigare faccende personali, era inevitabile che anche la questione della pausa caffè finisse al vaglio dei giudici. Ed invero, la Corte di Cassazione – – si è recentemente pronunciata su un caso riguardante due lavoratori del settore pubblico che, a seguito di un controllo dei Carabinieri, erano risultati assenti dall’ufficio, senza avere prima timbrato il cartellino.

Nel dettaglio, uno dei due si era allontanato dalla scrivania per una pausa caffè, mentre il secondo si era recato dal tabaccaio per
acquistare le sigarette. I due dipendenti, una volta citati in giudizio, hanno addotto a sostegno della loro difesa la “tenuità del fatto”, dal momento che l’allontanamento dal posto di lavoro era avvenuto per delle piccole esigenze personali e durato solo pochi minuti.

Specificatamente, il dipendente che si era allontanato per andare a prendere il caffè ha considerato questa sua azione come necessaria”, in quanto nell’ufficio comunale non vi è un distributore automatico di bevande; parallelamente, il dipendente che si era recato dal tabaccaio si è riferito alla “sfortuna” nella quale si è imbattuto, in quanto durante la sua carriera non gli era mai capitato
di incorrere in una situazione simile.

Visto da questo punto di vista, l’allontanamento dei due dipendenti non sembrerebbe di certo un reato! Tuttavia tale comportamento
può, invece, costare caro a chi lo pone in essere. Ai sensi del nuovo testo riguardante il licenziamento disciplinare, è obbligo del dipendente, ogni qualvolta si allontana dal proprio posto di lavoro, timbrare sempre il cartellino; caso contrario lo stesso rischia di incappare nel reato di falsa attestazione della presenza, anche se ad autorizzare la pausa è stato il capo, a voce.

L’art. 55-quater, comma 1 bis, statuisce, infatti, che “Costituisce falsa attestazione della presenza in servizio qualunque modalità
fraudolenta posta in essere, anche avvalendosi di terzi, per far risultare il dipendente in servizio o trarre in inganno l’amministrazione
circa il rispetto dell’orario di lavoro”. Inoltre, è opportuno sottolineare che per potere irrogare la sanzione penale della reclusione e
della multa, così come previsto dall’articolo in parola, è sufficiente che il lavoratore sia a conoscenza della esistenza di un vincolo alla
utilizzazione del badge e che lo stesso si sia allontanato dall’ufficio senza registrare la sua assenza nel sistema di rilevazione delle presenze.

Non è necessario dimostrare ulteriormente che la condotta del dipendente è stata caratterizzata dalla continuità o dalla abitualità o dalla reiterazione; anche un singolo episodio integra gli estremi per la maturazione del reato. Ed è proprio muovendo da questo assunto che la Suprema Corte ha confermato la condanna nei confronti dei due dipendenti, aprendo tuttavia la strada ad una attenuante, la “tenuità del reato”.

I giudici di Cassazione hanno, dunque, ribadito che il lavoratore pubblico, per allontanarsi dal posto di lavoro per una pausa, senza
rischiare di incappare nella «falsa attestazione della presenza», prevista dalla cosiddetta legge Brunetta, deve sempre timbrare il
cartellino o far passare il badge. Tuttavia, quando la ripetitività della condotta non possa essere dimostrata in concreto, non bastando allusioni dei lavoratori. Se non ci sono prove, quindi, deve essere applicata la tenuità del fatto. Quest’ultima consiste in una
specifica causa di non punibilità.

In pratica, il reato sussiste (resta nel casellario dei due lavoratori), ma non è punibile; restano, eventualmente, le possibili conseguenze risarcitorie, quali ad esempio risarcire il danno subito dall’ente pubblico. Ciò posto, è chiara tanto la volontà del legislatore, quanto quella della giurisprudenza, di punire duramente i comportamenti che creano disservizi e determinano danni
rilevanti alla credibilità delle Pubbliche Amministrazioni. Un comportamento di questo tipo non fa altro che aumentare il diffuso malumore che si ha nei confronti della categoria dei pubblici dipendenti e, pertanto, va combattuto.

Silvia Sorci



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

AUGURI! …IL RISCHIO DI ESSERE BANALE!

Natale per tanti ha un sapore particolare! Gioia, condivisione, momenti di riflessione ma anche tanta malinconia! Ma il regalo più bello che chiedo ed è difficile avere…

Centro Studi Aurora di Bagheria: Formazione Gratuita e Opportunità di Inserimento Lavorativo per Disoccupati

Il Centro Studi Aurora di Bagheria apre le porte a nuove opportunità di formazione einserimento lavorativo per i disoccupati siciliani. A partire da gennaio 2024, l’ente offrirà…

La rivoluzione digitale: come la digitalizzazione sta riplasmando il mondo

La digitalizzazione è un processo rivoluzionario che segna il passaggio dal classico al moderno, dalla carta al digitale, dalla disconnessione alla rete globale. In questo scenario, la…

New York… Columbus Day 2023, due ficarazzoti a New York, tra grattacieli e carretti

chi lo doveva dire che a 70 anni suonati Pino u Russu e Matteo Castiglione dovevano andare a finire dalla Badia sotto la Statua della Libertà? Eh…

Al Frantoio del Cavaliere comincia la stagione della molitura delle olive

Nelle “binse”, cosi si chiamano i contenitori che portano le olive, possiamo trovare le prime olive raccolte nella stagione 2023. All’interno ci possono essere olive della varietà…

Ottobrata Zafferanese con “I Viaggi di Ulisse”

Una scommessa sul turismo è quella lanciata dai giovani coniugi Tiziana e Alfonso che hanno aperto una nuova agenzia di viaggi a Bagheria. Non una semplice agenzia,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.