Pulizia straordinaria a monte Catalfano. Al lavoro gli operai di AMB

E’ stata eseguita nei giorni scorsi una pulizia straordinaria sia della strada che conduce a Monte Catalfano, lungo tutto il percorso, dal cancello all’ingresso all’area sia dell’area interna del parco.

A lavoro gli operai di AMB, la società in house che gestisce il servizi di raccolta rifiuti della città di Bagheria. Con l’inizio della bella stagione
l’amministrazione comunale, attenzionerà ulteriormente la cura del Polmone verde della città, in particolare l’area attrezzata di monte Catalfano.

“Cercheremo di garantire la cura di questo magnifico Monte per il quale chiediamo la collaborazione anche dei visitatori – dichiara il sindaco Filippo
Tripoli – non abbandonate rifiuti, rispettate i luoghi. Vi ricordiamo che Monte Catalfano è un SIC, sito di interesse comunitario, ne va salvaguardata la sua natura anche per il futuro dei nostri figli».

Si ricorda inoltre che è reato penale accendere fuochi nell’area attrezzata. Nella zona sono stati trovati rifiuti di carta e plastica che deturpano l’ambiente
circostante, un ambiente che è un delizioso monte ricco di vegetazione, orchidee selvatiche e fauna. Il Sindaco conclude ringraziandoli gli operai
AMB preposti alla pulizia straordinaria e il presidente Vito Matranga ed informando i cittadini che l’Ente ha presentato un progetto per la riqualificazione di Monte Catalfano per il quale il Comune è stato ammesso al finanziamento.

L’Avviso prevede una dotazione finanziaria pari a 900 mila euro per il progetto del Comune di Bagheria denominato “Progetto di riqualificazione dell’area attrezzata di Monte Catalfano è finalizzato al miglioramento dell’accessibilità e della fruibilità”. Il progetto è nell’elenco dei progetti
ammissibili a finanziamento, si attende la graduatoria definitiva.

Foto di archivio scattata prima del Covid

Ti consigliamo di visionare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.