Ficarazzi festeggia il SS Crocifisso delle Grazie

Ficarazzi si prepara ai festeggiamenti in onore del SS. Crocifisso il 14 settembre. La consegna simbolica del Crocifisso da parte del Principe Giardina alla Chiesa di Sant’Atanasio e giro per le vie del paese in abiti dell’epoca.

Un rivisitazione storica dei momenti salienti del paese. La tradizione vuole che il principe Giardina fece dono di un Crocifisso ligneo alla Chiesa di Sant’Atanasio. Molto probabilmente fu Fra Umile da Petralia ad intagliarlo nel seicento, acquistato dal nobile e dopo fu donato alla Chiesa. All’epoca il castello era dedicato al frantoio della canna d zucchero. Vi lavoravano molte famiglie proveniente da Petralia, specializzate nella lavorazione della canna da zucchero. Niente di strano che portarono il Crocifisso o che fu acquistato dal nobile dell’epoca. Alla fine fu donato alla Chiesa e magari a seguito della ristrutturazione e ampliamento del paese voluto dai Giardina metà del settecento.

Il Sindaco Giallombardo: “La tradizione Ficarazzese si rinnova, anche quest’anno, attraverso i festeggiamenti in onore del Santissimo Crocifisso. Giorno 14 settembre alle ore 18.00, ci riuniremo presso la chiesa Sant’Atanasio per la celebrazione della messa solenne; a seguire la rievocazione storica “La Castellana” che darà il via alla processione lungo il corso Umberto I. Concluderemo questo primo giorno di festa, con lo spettacolo di fuochi pirotecnici presso Piazza Santi Patroni.”

Il Settimanale di Bagheria

Il Settimanale di Bagheria è una testata giornalistica iscritta al Reg. Tribunale di Palermo n.9 del 5/03/2007
Iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione n.15167/07

Per contattare la redazione puoi inviare un mail a redazione(at)bagheriainfo.it o un messaggio whatsapp al 393.5154113

Per la tua pubblicità invia un mail a commerciale(at) bagheriainfo.it



Leggi sul “Settimanale di Bagheria”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.