Ambiente e volontariato. 77 giovani da tutta Europa in Sicilia nelle riserve e nei parchi naturali

77 volontari da tutta Europa per due settimane in Sicilia, in tre diversi progetti legati alla tutela dell’ambiente e alla sensibilizzazione dei cittadini. Questo il risultato del progetto “Greening the present, saving the future” organizzato dall’Associazione InformaGiovani di Palermo nell’ambito del Corpo Europeo di Solidarietà.

Il progetto, che si sta svolgendo in questi mesi fra Isola delle Femmine e Geraci nel palermitano e a Gela in provincia di Caltanissetta, vede ragazzi e ragazze residenti in diversi paesi europei ma anche con origini fuori dal vecchio continente, impegnati in attività manuali e nella organizzazione di campagne di informazione e sensibilizzazione rivolte alla popolazione locale.

A Gela e Isola delle Femmine le attività si sono svolte e si svolgono all’interno delle riserve naturali regionali gestite dalla Lipu, con attività manuali per la pulizia, la raccolta dei rifiuti e la manutenzione del verde e la messa a dimora di centinaia di nuove piante.

A Geraci invece i ragazzi si sono concentrati nella pulizia delle aree verdi e nell’organizzazione di una campagna che ha coinvolto giovani e anziani del paese per la promozione della raccolta differenziata e dell’uso di acqua corrente invece che di acqua in bottiglia. Il programma “Corpo Europeo di Solidarietà” permette a ragazze e ragazzi residenti in Europa di svolgere un periodo di volontariato supportato economicamente dalla Commissione europea. Le attività di
gruppo possono durare da due settimane a due mesi. Il programma consente anche di svolgere esperienze di volontariato individuale sino ad un anno.

A Isola delle Femmine, in particolare, sono stati impegnati complessivamente 25 volontari, che in due diversi momenti dell’estate hanno collaborato a raccogliere i rifiuti portati dalle mareggiate e a supportare il lavoro di ripristino della flora mediterranea dell’isolotto.

Altri progetti sono già in programma nel nostro territorio a partire dall’autunno, mentre InformaGiovani, in collaborazione con l’ERSU, sta attivando uno sportello informativo su queste opportunità all’interno della città universitaria.


Leggi sul “Settimanale di Bagheria”


Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.