Andrea Raia, domani il 78° anniversario a Casteldaccia

Domani alle ore 10,30, in occasione del 78° anniversario, Andrea Raia, primo sindacalista ucciso dalla mafia a Casteldaccia il 5 agosto del 1944, sarà ricordato con la deposizione di una corona d’alloro sulla sua tomba, presso il cimitero comunale di Casteldaccia.

     Parteciperanno la Cgil, l’Anpi, il Centro Pio La Torre, il Comitato Andrea Raia e i familiari.

     “Andrea Raia era una persona generosa, che amava la giustizia e per affermarla si batteva contro la mafia e la prepotenza del potere municipale di allora – dichiara Dino Paternostro, responsabile Legalità e memoria storica per la Cgil Palermo –  Nel difficile dopoguerra siciliano, mentre ancora al Nord si combatteva contro il nazifascismo, Raia sosteneva la scelta dei partiti del Comitato di Liberazione nazionale di non abbandonare nella disperazione e nella fame le popolazioni delle città, sostenendole con i “granai del popolo”. Ma la sua onestà intransigente non piaceva ai padroni del municipio, agli agrari speculatori e alla mafia, che decisero di assassinarlo”. “Purtroppo – rileva Paternostro – anche se la mamma di Andrea indicò con grande coraggio e con nome e cognome gli assassini del figlio, la giustizia ingiusta di allora archiviò l’assassinio come a carico di ignoti. Oggi ricordiamo Andrea Raia come un grande dirigente della Cgil, costruttore di solidarietà tra contadini e operai, tra la città e la campagna”.

“Lo hanno ucciso perché si è opposto alla corruzione, perché faceva del bene senza chiedere in cambio niente, perché era onesto- aggiunge Pino La Piana, responsabile della Camera del Lavoro di Bagheria –  Andrea Raia lo hanno ammazzato la prima volta, sparandogli a tradimento. E poi una seconda volta, e tante altre volte, cercando di infangare la sua storia di uomo perbene. Questa potrebbe sembrare una storia di tanti anni fa ma è una storia senza tempo: i valori in cui credeva Raia nessuna arma potrà mai cancellarli. Ed è una storia quanto mai attuale, perché ancora oggi c’è chi considera scomode le persone oneste e prova in modo subdolo a distruggerle. Cercando di isolarle, zittirle, denigrarle. Eppure, è solo grazie alle persone oneste, alle persone valorose come Raia, alle persone che con sacrificio e coraggio seminano bene, che si potrà davvero sperare in un futuro”.



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Corso gratuito di orticoltura e autoproduzione alimentare

Sabato 25 maggio dalle 9:30 alle 11:30 presso Zooagricola di via Federico II si svolgerà il primo corso gratuito di orticoltura organizzato da natiperterra.it Durante l’incontro, destinato…

RADIO IN:​ Petrotto & Di Rosalia, performance live e presentazione nuovo singolo ” Anime senza confini”

Petrotto & Di Rosalia saranno ospiti su RADIO IN 102 FM , giorno 27 gennaio 2024 alle 10:40 nel programma Voce Libera, condotto da Flavia Fontana, per…

Presentazione il libro di Piero Montana “La villa dell’alchimia elementi alchemici ed esoterici di villa Palagonia”

Sabato 10 febbraio alle ore 17.30 nei locali del Centro d’Arte e Cultura “Piero Montana”, di via Bernardo Mattarella n. 64, sarà presentato il libro di Piero…

Al Cinema Capitol ritorna il Cineclub

Si riparte con il CineClub al Cinema Capitol il prossimo 5 febbraio. Gli appassionati del cinema possono segnare in agenda ben sei appuntamenti, uno ogni settimana, che…

Il Coro Sancte Joseph si esibisce per il XXX Concerto di Natale

Grande attesa per il XXX Concerto di Natale del Coro Sancte Joseph. Appuntamento il prossimo 26 dicembre presso la Chiesa Madre di Bagheria, alle ore 19.15. Per…

 In via Mattarella il primo murales con protagonista una donna “Domina Bacharia”

Claudia Clemente e Filippo Calvaruso realizzeranno in via Mattarella di fronte la Gelateria anni 20 a Bagheria, il primo murales con cui rappresenteranno una donna “Domina Bacharia”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.