“CULTURA DELLA LEGALITÀ”. I CARABINIERI DI BAGHERIA INCONTRANO GLI STUDENTI DEL LICEO “D’ALESSANDRO”

Corretti, non corrotti. Come la voce dei giovani uccide la mafia (non solo d’estate)”. È questo il titolo del programma d’incontri a cadenza settimanale, chiamati “I venerdì della legalità”, conclusi la scorsa settimana e che hanno visto impegnati nel corso del primo quadrimestre, da ottobre a febbraio, tutte le classi quarte e quinte del Liceo “D’Alessandro” di Bagheria con i Carabinieri della locale Compagnia.

I militari hanno affrontato una pluralità di temi, iniziando dalle concrete distinzioni tra le principali organizzazioni criminose presenti in Italia, mafia, ‘ndrangheta, camorra e sacra corona unita, per poi soffermarsi specialmente sugli aspetti tra loro comuni: il consenso sociale e la distorsione della realtà.

Il primo quale fattore di controllo del territorio ad opera delle associazioni di tipo mafioso, spesso percepite dalla comunità quale forma collaterale e parallela allo Stato, sebbene si rimanga vincolati a vita, rinunciando alla propria libertà, in caso qualcuno si rivolga a loro per “richieste” di ausilio e favori. La distorsione della realtà, invece, costituisce un collante all’interno del sodalizio, facendo leva su disvalori retrogradi e deformati: pertanto il timore e la paura della gente diventeranno “rispetto”; gli attentati, le estorsioni e le gambizzazioni saranno intese come “ordinaria amministrazione della giustizia”, mentre il carcere, anche tra i più giovani, diventano “preziosi punti da collezionare per il proprio curriculum delinquenziale”.

L’ulteriore tema affrontato dai Carabinieri è stato quello della corruzione, intesa quale scambio e svendita della propria funzione pubblica in cambio di una controprestazione: in un ambiente compromesso, infatti, non esiterà più niente di integro e di puro. Ecco perché la legalità, che per definizione costituisce confronto, ricerca, scambio di opinioni e contaminazione, è proprio l’antitesi di un sistema corruttivo e deve trovare terreno fertile a partire dai più giovani, i quali, se un domani avranno la forza di rifiutare una raccomandazione per un concorso, confidando piuttosto nei propri studi e senso del dovere, potranno rendere più sana la nostra realtà.

In questo percorso è stata determinante la collaborazione e la disponibilità dimostrata dalla Preside, Angela TROIA, e dal referente per il progetto di legalità, Professor MUSOTTO. Quale prosieguo della preziosa collaborazione avviata tra l’Arma e la Scuola, nel secondo quadrimestre sono quindi state già programmate ulteriori “chiacchierate” sui temi tanto attuali quanto delicati del bullismo e della violenza di genere.



Potete approfondire con i seguenti suggerimenti:

Articoli correlati

Calendario raccolta differenziato anno 2024

Il calendario della raccolta rifiuti relativo al 2024 è stato reso noto dalla società che gestisce la raccolta dei rifiuti a Bagheria. Non ci sono variazioni rispetto…

L’asprense Pippo Balistreri riceve il Premio Città di Sanremo

Il direttore di palco Pippo Balistreri di Aspra è il nostro vero vincitore di questo 74esimo Festival di Sanremo. Ha ricevuto durante l’ultima serata il Premio Città…

Lettera di un pendolare bagherese sull’aumento dei biglietti del treno

Cara Trenitalia,sono un ragazzo di Bagheria che frequenta da 3 anni l’Università degli studi di Palermo e che ogni giorno utilizza il treno per recarsi da casa…

Scelto il carrubo per il posteggio della stazione. Quaranta alberi per far diventare verde la zona

Il carrubo è un albero che ormai possiamo considerare siciliano. Bello da vedere e molto rustico, tanto da crescere tranquillamente con il nostro clima temperato. Quaranta alberi…

Il Servizio raccolta rifiuti per queste festività e raccolta differenziata al 65%

Nell’approssimarsi delle prossime festività l’AMB ha reso noto il calendario di raccolta e gli orari dei centri di raccolta comunali. Il servizio di porta a porta non…

Ficarazzi: l’intensa pioggia fa danni al manto stradale

Saltano i tombini e l’incrocio di via Meli con la strada che porta a Villabate e Palermo, si trasforma in un fiume. La pioggia intensa della notte…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.