Al via la prima edizione del Sicilia Jazz Festival

Il Sicilia Jazz Festival apre il sipario con la prima edizione ricca di grandi nomi e con progetti artistici inediti. Dal 13 al 19 settembre, si susseguiranno concerti tra big, musicisti residenti, Maestri e giovani studenti dei Conservatori siciliani. Il Festival è frutto della intesa tra l’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, il Comune di Palermo, la Fondazione the Brass Group e i Conservatori di Musica siciliani. L’organizzazione artistica e la produzione del Sicilia Jazz Festival è affidata alla Fondazione The Brass Group, ente a partecipazione pubblica.

Ad inaugurare il Festival il tanto atteso concerto di Stefano Bollani. Scelta voluta fortemente dal Maestro Ignazio Garsia, dall’amministrazione regionale e comunale e dai Conservatori, come segno di gratitudine perché, con il suo intervento da New York nel 2015, in soccorso del Brass che era stato cancellato dalla geografia delle attività musicali dal precedente governo, il Maestro Bollani ha contribuito – in modo determinante – affinché tutto ciò (festival, Brass Orchestra Jazz Siciliana, e la musica jazz tutta, in generale), potesse continuare a vivere.

L’appuntamento di apertura del Festival ha registrato dopo poche settimane dall’annuncio il tutto esaurito. Grande attesa quindi per il concerto in scena lunedì 13 settembre alle ore 21.30 al Teatro di Verdura.

Altra importante punta di diamante del Sicilia jazz Festival è l’aver dato vita a progetti inediti con esclusive nazionali dell’Orchestra Jazz Siciliana – The Brass Group che accompagnerà gli artisti nazionali Alex Britti, Mario Biondi, Samuel ed ancora sul palco del teatro di Verdura un tributo a Franco Battiato.

In campo per il SJF ben 54 formazioni, 309 musicisti scritturati per 892 giornate lavorative. Tutti questi concerti sono caratterizzati da cifre stilistiche musicali che coniugano in modo armonico il linguaggio del Jazz e quello del pop, quello del soul e della musica elettronica ed ancora quello della musica d’autore. Ed il Brass Group, che organizza il festival su incarico della Regione Siciliana – Assessorato del turismo, sport e spettacolo, è stato ideato da Ignazio Garsia come gruppo di ottoni – da cui “The Brass Group” – ed è l’unico ente italiano di produzione di musica jazz e la sua Orchestra Jazz Sicilia – The Brass Group rappresenta per legge 1 febbraio 2006, n. 5, la prima e unica orchestra di jazz a partecipazione pubblica.

In poco meno di 50 anni è stata diretta dai più grandi direttori d’orchestra del mondo tra cui Gil Evans, Carla Bley con cui è stato registrato anche un disco nel famoso scantinato di via Duca della Verdura e distribuito dalla prestigiosa casa discografica ECM, ed ancora Gunther Schuller, Eumir Deodato, Vince Mendoza e tanti altri ancora. Oggi l’Orchestra Jazz Siciliana vanta esibizioni al Sicilia Jazz Festival con produzioni e arrangiamenti unici scritti appositamente dai Maestri Domenico Riina, Antonino Pedone e Vito Giordano. Il perno del Sicilia Jazz Festival risiede proprio nella produzione, nell’idea di creare, di far musica prodotta, pensata, e l’elemento caratterizzante è quello che molti dei concerti all’interno del festival sono produzioni originali vedi appunto quello di Samuel il 14 settembre con Roy Paci e Johnny Marsiglia, così come quello del 16 con Mario Biondi che, oltre ai brani orchestrati e arrangiati da Pino Jodice per il progetto su Al Jarreau, proporrà brani appositamente scritti per questo concerto.

Il Sicilia Jazz Festival vuole essere un grande evento della nostra Isola, con cadenza annuale, una manifestazione contemporanea, fortemente ancorata al territorio e pensata per una collettività che ha voglia di conoscere tutto ciò che sta intorno a sé e tutto ciò che sta al di fuori di un semplice concerto. All’interno del Festival, sarà organizzato anche un Jazz Village che si realizzerà in Piazza Sant’Anna, Piazza Croce dei Vespri e Piazza Teatro Santa Cecilia, i siti: Complesso Monumentale di Santa Maria dello Spasimo (XVI Secolo), Real Teatro Santa Cecilia (XVII Secolo) e Complesso Monumentale di S. Anna (XV Secolo). Durante il Festival verrà dato ampio spazio ai giovani, ai talenti, agli studenti che studiano con dedizione e professionalità la musica jazz esibendosi nelle orchestre o con i propri ensembles.

Così il Sicilia Jazz Festival ha coinvolto i Conservatori del territorio siciliano che si esibiranno in diverse esibizioni con protagonisti i propri allievi accompagnati dai Maestri dei propri Dipartimenti Jazz. Una vera vetrina in musica per il Conservatorio “Alessandro Scarlatti” di Palermo, “Arcangelo Corelli” di Messina, “Antonio Scontrino” di Trapani, e gli istituti superiori di studi di musica “Vincenzo Bellini” di Catania e “Arturo Toscanini” di Ribera. Ed il Jazz Village sarà animato anche da un fitto programma che vede protagonisti i musicisti residenti.

A seguire note sul concerto del Maestro Stefano Bollani:

“PIANO VARIATIONS ON JESUS CHRIST SUPERSTAR” di Stefano Bollani. Nel cinquantesimo anniversario dell’album originale, la versione inedita di Bollani del capolavoro di Lloyd Webber e Rice. Stefano Bollani ha solo 14 anni quando vede per la prima volta il film “Jesus Christ Superstar” ed è per lui un’esperienza travolgente: si innamora della musica, della storia, dell’atmosfera, delle scene e impara presto tutte le parole dei testi, ma non osa, ai tempi, suonarne la musica.

A 50 anni dalla pubblicazione dell’album originale “Jesus Christ Superstar”, Stefano Bollani ha deciso di creare la sua personale versione del capolavoro di Andrew LIoyd Webber & Tim Rice, con il benestare del compositore inglese.“Piano Variations on Jesus Christ Superstar” è una versione totalmente inedita e interamente strumentale per pianoforte solo, ma che custodisce come un tesoro l’originale: “Ho scelto la forma del pianoforte solo perché la storia d’amore è tra l’opera rock e me” – spiega Bollani – “E una storia d’amore cresce in bellezza se resta intima.”

Non bisogna però aspettarsi una trascrizione intera per pianoforte solista. Stefano Bollani, grato per l’eccezionale permesso ricevuto da Andrew LIoyd Webber di reinterpretare la sua opera cult, si è liberamente, ma rispettosamente, avvicinato al capolavoro improvvisando sui motivi originali e sulle canzoni seguendo il suo guizzo giocoso e il suo spirito musicale, formato dalle tante tradizioni musicali, dai tanti generi e incontri che hanno influenzato, forgiato e consolidato quello che è considerato il suo linguaggio musicale. A partire dall’album, Stefano Bollani si esibisce in concerto con “Piano Variations on Jesus Christ Superstar” seguendo la trama della storia.

Differentemente da quanto accade solitamente ai concerti del Maestro, che non sale mai sul palco con una scaletta stabilita a priori, in questo caso Stefano Bollani desidera rispettare la struttura narrativa come punto fisso da cui partire per improvvisare ed elaborare fantasticamente l’opera originale all’interno dei singoli brani.

Rosanna Minafò

Bollani

Ti consigliamo di visionare:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.