Logo

Per comunicare con noi. Cell. 330965834 e-mail: bagheriainfo@libero.it
  Notizie     
 
Link Utili
Vivi la città
Farmacie di turno
Turni festivi benzinai
Treni da/per Bagheria
Orario Bus Urbani
Sale cinematografiche
Numeri Utili
Annunci Immobliari
Annunci Privati
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Previsioni del Tempo
Ingresso Ville
Trattorie
Agenzie di Viaggio
Alberghi
Archivio Settimanale
 
Bagheria prese di mira le ville
Inserito il 10 dicembre 2008 alle 15:11:00 da Redazione. IT - Cronaca

FURTI: PRESE DI MIRA LE VILLE  DI BAGHERIA

La crisi economica “investe” evidentemente anche la categoria ladri che,negli ultimi tempi, puntano in alto,dedicandosi a furti di spessore. Potrebbe infatti esserci una connessione fra i colpi messi a segno prima  a Villa Trabia, e poi a Villa Galletti San Cataldo.

(in foto Villa Palagonia oggetto di furto lo scorso anno)


I “visitatori della notte” avevano ben chiaro in testa cosa cercare e cosa trafugare: da una parte opere d'arte e preziosi e dall'altra  antichi arredi monumentali, ma tutto con una sola caratteristica, quella di sottrarre beni da piazzare nel fruttuoso mercato clandestino delle opere d'arte. Due colpi studiati nei minimi dettagli, quelli scoperti dalle forze dell'Ordine nelle ultime due settimane a Bagheria. Nel primo caso, il furto a Villa Trabia avrebbe fruttato, secondo la stima dei proprietari,  qualcosa come 300 mila euro; sono stati rubati in particolare :

<_div align="center">

nove quadri, tra cui spicca anche un "olio su tela" ascrivibile ad autore di scuola caravaggesca. Il dipinto raffigura la "Nativita'" ed ha un valore approssimativo di di 40.000 euro. Rilevante, per dimensioni e valore, anche un altro "olio su tela" raffigurante figure e rovine tipiche delle campagne laziali, stimato circa 25.000 euro. Non meno rilevante, per valore e caratteristica, è il furto messo a segno a Villa San Cataldo; sono state trafugate due fioriere del 700 in pietra d'Aspra, tra l'altro molto pesanti, dal giardino dell'antica residenza. Il furto è stato scoperto mercoledì scorso dal custode della villa “San Cataldo”, che ha presentato denuncia. Il danno non quantificato,  non risulta coperto da assicurazione. E’ massima l’attenzione dell’Arma, in questo momento, nei confronti di questa tipologia di furti che, per oggetto, hanno beni di interesse culturale e storico, anche in considerazione dei numerosi analoghi episodi, che si sono verificati nel territorio di Bagheria. Sono in atto particolari servizi di vigilanza ed è comunque stato interessato il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, reparto speciale dell’Arma dei Carabinieri, che si occupa della tutela del patrimonio culturale italiano. I beni oggetto di furto sono già stati inseriti in apposite banche dati la cui consultazione consente di ricostruire collegamenti utili ai fini dell’individuazione degli autori del furto. Lo scorso anno fu ritrovata una preziosa statua in tufo, trafugata da Villa Palagonia. Il "mostro", alto circa un metro, rubato dalla porta - oggi murata - di via Del Cavaliere, fu ritrovato dai carabinieri in una strada provinciale di Santa Flavia, ma gravemente danneggiato. Furono, purtroppo, staccati la testa e un braccio dal busto del piccolo mostro dalle zampe di capra. Si pensò, in quella circostanza, che i  ladri abbandonarono  la statua probabilmente dopo essersi resi conto dell'impossibilità di collocare sul mercato nero un pezzo così unico. Conservare e valorizzare il proprio patrimonio artistico-culturale è un preciso dovere degli Enti, ma è dovere civico di ciascuno fornire qualunque informazione utile a far ritrovare il bene trafugato per restituirlo alla pubblica fruizione. È con tale obiettivo, per incoraggiare eventuali segnalazioni e per ostacolare il mercato della ricettazione, che il Comune di Palermo - prima in Italia - assieme alla Sezione Sicilia dell’Associazione Dimore Storiche, e in collaborazione con il Nucleo Tutela Patrimonio Artistico dei Carabinieri e con la Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali della Regione Siciliana, ha creato uno spazio, sul sito istituzionale che comprende un elenco di immagini con relative schede che si riferiscono a 380 opere d’arte rubate a partire dal 1969.Chiunque avesse notizia di queste opere, può segnalarle, anche in forma anonima, al numero 091-422772 o 091-422825 del Nucleo dei Carabinieri, o attraverso la e-mail carabinieri@carabinieri.it. Se si volesse  verificare la documentazione fotografica relativa ai beni trafugati, si può visitare anche il sito dell'Arma dei Carabinieri: www.carabinieri.it



 

 



Condividi su Facebook


Letto : 4096 | Torna indietro
 
On LIne
Il Settimanale di Bagheria da leggere on line

Il mensile di Villabate da leggere on line

Il mensile di Villabate da leggere on line
Bagheria Casa
Bagheria Casa - Settimanale di annunci economici ed immobiliari



Il Ricettario bagherese

Le farmacie di turno a Bagheria

I Benzinai di turno a Bagheria

Informazioni turistiche Madonie Coupon Sposi Sicilia
Eventi
<
Settembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

Questa settimana
 
 Copyright © 2007 Pubblimanna - powered by RGMediaWeb 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,046875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile