Logo

Per comunicare con noi. Cell. 330965834 e-mail: bagheriainfo@libero.it
  Notizie     
 
Link Utili
Vivi la città
Farmacie di turno
Turni festivi benzinai
Treni da/per Bagheria
Orario Bus Urbani
Sale cinematografiche
Numeri Utili
Annunci Immobliari
Annunci Privati
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Previsioni del Tempo
Ingresso Ville
Trattorie
Agenzie di Viaggio
Alberghi
Archivio Settimanale
 
Cultura > “Renato Guttuso La Potenza dell’Immagine 1967-1987”
Inserito il 06 dicembre 2007 alle 20:15:00 da Redazione. IT - Cultura

Quasi tutto pronto per l’imponente mostra dedicata al pittore bagherese scomparso vent'anni fa: “Renato Guttuso La Potenza dell’Immagine 1967-1987”

di Marina Galioto

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Giorgio Napoletano e con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, sarà inaugurata sabato 15 dicembre alle ore 17:30, a Villa Cattolica, l’imponente mostra dedicata al grande pittore bagherese, Renato Guttuso.


“Renato Guttuso La Potenza dell’Immagine 1967-1987”, pone un sigillo metaforico al ciclo delle tre mostre dedicate all’autore. Dopo la prima esposizione “Dagli Esordi al Gott mitt Uns”, del 1987, e la successiva “Guttuso – Dal Fronte Nuovo all’Autobiografia 1946-1966”, del 2003, la mostra allestita per i prossimi sei mesi (2007/2008) raccoglie le opere elaborate da Guttuso durante l’ultimo ventennio della sua vita. Il museo Guttuso, gli Archivi Guttuso e la città di Bagheria, presentano una ricca esposizione delle opere dell’artista, nell’occasione del ventesimo anniversario della sua scomparsa. Oltre 200 le opere del pittore esposte: accanto al grande interprete del “realismo moderno”, sarà inoltre possibile soffermarsi a visitare opere di altri illustri pittori, fra cui ricordiamo: Picasso, De Chirico, Magritte, Warhol, Ceroli, Adami, Guccione. Un folto percorso artistico dunque, che consentirà al pubblico di rintracciare i fitti legami e gli intensi rapporti che intercorrono fra questi nomi celebri dell’avanguardia pittorica mondiale.

Questa straordinaria esposizione, che nasce proprio con l’intento di mettere insieme i dipinti della maturità di Guttuso, annovera fra i numerosi titoli, anche le celeberrime opere Vucciria (1974), potente rappresentazione di folclore e costume sulla sicilianità, Il Caffé Greco (1976), denso di allusioni alla pittura di De Chirico, I Funerali di Togliatti (1972), concentrata riflessione sull’ideologia comunista di quegli anni, La visita della sera (1980), con l’indimenticabile tigre misteriosa all’interno del giardino di Palazzo del Grillo e Nella stanza delle donne vanno e vengono… (1986), ultimo appassionato omaggio all’universo femminile.

La mostra, realizzata nell’ambito dei finanziamenti POR Sicilia 2000-2006, è curata dalla direttrice del museo Guttuso, Dora Favatella Lo Cascio, insieme all’importante collaborazione di Fabio Carapezza, il quale sottolinea come, attraverso la partecipazione della Fondazione Giorgio ed Isa De Chirico, il rapporto tra questi due grandi pittori costituirà uno dei nuclei più approfonditi nella sezione a loro dedicata: saranno infatti allestite delle vere e proprie sale tematiche, che renderanno utile un confronto fra le opere dei due artisti, attraverso l’esposizione non solo dei loro dipinti, ma anche di alcune pubblicazioni che denotano il profondo interesse del bagherese nei confronti del metafisico De Chirico.

A fianco del percorso espositivo vero e proprio, grande risalto verrà dato anche al catalogo pubblicato per l’occasione, in italiano e inglese, che si avvale di tanti contributi scientifici, a fianco di una presentazione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L’edizione conterrà anche una sezione comprendente alcuni scritti di Guttuso, inediti e non, curata da Marco Carapezza.

Un evento importantissimo nelle attese di tutti, un trampolino prestigioso da cui rilanciare l’immagine di Bagheria nel grande circuito delle “culture locations”, come avverte il sindaco Biagio Sciortino nelle sue parole << visitare la mostra costituisce un’occasione non solo per approfondire l’opera di Guttuso, ma anche per conoscere il patrimonio delle ville suburbane barocche e tardo-barocche che fanno di Bagheria uno straordinario documento della storia dell’architettura>>.



Condividi su Facebook


Letto : 4543 | Torna indietro
 
On LIne
Il Settimanale di Bagheria da leggere on line

Il mensile di Villabate da leggere on line

Il mensile di Villabate da leggere on line
Bagheria Casa
Bagheria Casa - Settimanale di annunci economici ed immobiliari



Il Ricettario bagherese

Le farmacie di turno a Bagheria

I Benzinai di turno a Bagheria

Informazioni turistiche Madonie Coupon Sposi Sicilia
Eventi
<
Settembre
>
L M M G V S D
-- -- 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 -- -- --

Questa settimana
 
 Copyright © 2007 Pubblimanna - powered by RGMediaWeb 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 0,046875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile