Rubrica

di

Dimostrate di essere i degni rappresentanti del popolo siciliano ...Le pillole di Leonardo Eucaliptus

Avevo previsto che si sarebbe fatta politica per gli altri, come d’altra parte succede già da un ventennio. Tutto è predisposto per essere utilizzato da serbatoio di voti per i non bagheresi. Sommate i voti dei due candidati del centrodestra ed avrete 4300 voti andati in fumo. Sono solo serviti (e ne sono felice) a fare eleggere il candidato presidente del

di

Ma non avete nessuno al cimitero di Bagheria? ...Le pillole di Leonardo Eucaliptus

Requiem in pace, la quiete elettorale di Bagheria mi fa rivoltare il sangue. Vedere su Facebook le bare abbandonate dentro gli uffici, dentro le cappelle padronali, l’abbandono del cimitero all’incuria più totale. Non vi sembra un reato perpetrato nei confronti degli uomini e nei confronti anche dei morti? Hanno altri impegni politici per continuare a prendere in giro i morti e

di

La politica siciliana, bagherese e gattopardiana

Faccio queste considerazioni guardando cosa succede a Barcellona in Spagna. Come si ottengono i  diritti? In Catalogna hanno dimostrato coi fatti che starebbero molto meglio senza il governo centrale. Vogliono la democrazia, sono uniti e vivono molto meglio che a Madrid. L’ho constatato nel 1982 avendo avuto modo di andarci, e continueranno a lottare democraticamente finché non otterranno l’indipendenza. Viceversa, il

di

La marchesa di Acquachiara

. A quel tempo ero preso dalla passione per il restauro, ma disponendo di pochi mezzi, frequentavo il mercatino delle pulci, al Papireto. Alla fine degli anni Cinquanta e parte degli anni Sessanta vi si trovavano oggetti interessanti e a prezzi modici.  Cercavo in particolare vecchie tele e vecchie cornici, di solito scartate dai compratori perché necessitavano di un elaborato e costoso restauro. Ciò

di

Agricoltura sociale: Un'opportunità per il futuro guardando al passato

. Dopo tre articoli dell’agronomo Angelo Puleo sull’Agricoltura sociale ecco il contributo di un giovane lettore bagherese. Forse è il segno che la tematica lanciata dal nostro esperto collaboratore suscita interesse. Auguriamoci che induca molti altri, come auspica pure l’estensore dell’articolo, a mettersi in gioco e a guardare con ottimismo ad una opportunità di lavoro. Ricordiamo sempre a

di

I cappidduzzi sono fuori moda, oggi abbiamo le redivive coppole

Intendo segnalare a chi di competenza con tutta la efficienza che trasuda se non vi sembra un po’ tardi, di pulire almeno i tombini, onde evitare che le prime piogge passano allagare Bagheria per come puntualmente succede. Lasciamo perdere i marciapiedi del salotto bagherese, ovvero Corso Umberto I, Corso Butera e “u rittifilu” Corso Baldassare Scaduto. Un grazie lo devo a tutti

di

Buon tempu e malu tempu un rura sempri un tempu

Ho avuto modo di ascoltare il prof Becchi, ideologo del Movimento 5 Stelle, sdegnato dal modo di gestire dall’alto, questo movimento, definendolo la “Casaleggio associati”. Se hanno fatto stancare l’ideologico, figuriamoci dove andranno a finire, a forse in quel “…quel paese”, come ha decantato Grillo, “chi di ano ferisce, di ano perisce”. Per me è un movimento destinato a  scomparire. Se noi analizziamo

di

"Ciauru ri astrattu" nel racconto di Arcangela Saverino

. Sulla rete abbiamo letto questo bellissimo post di Arcangela Saverino che abbiamo voluto pubblicare sul sito del Settimanale di Bagheria. Ci sono ricordi dell’infanzia che accompagnano la nostra vita e restano lì, in attesa di riaffiorare e raccontare l’identità del nostro popolo e le radici dalle quali proveniamo, troppo spesso dimenticate. A volte i ricordi

di

La cucina secondo Domenico Pipitone

. Naviga nei sapori e nei colori ed è innamorato della sua terra: Domenico Pipitone, giovane chef siciliano, non ha esitato tanti anni fa, seppure a malincuore, a lasciare la Sicilia per perfezionarsi nell’arte della cucina, una passione che l’ha sempre  accompagnato sin dalla tenera età, nell’osteria della nonna materna a Milazzo. Una valigia piena del calore del sole, l’azzurro del

di

La raccolta differenziata ...resta una sconosciuta!

È di qualche giorno fa la notizia che, stando ai dati registrati dalla regione siciliana, la raccolta differenziata avrebbe raggiunto la rispettabile cifra del 20%. Forse è il risultato che l’Assessorato al ramo aveva auspicato qualche tempo fa, quando furono scoperti gli altarini, che gran parte della responsabilità dell’inefficienza diffusa, è del Governo regionale. Da più parti ci sono state smentite