di

Ennesimo allarme ambientale ad Aspra

.

Al Sindaco di Bagheria; alla Procura della Repubblica di Termini  Imerese; al Comando dei Carabinieri Bagheria; all’Ufficio Circondariale Marittimo di Porticello; all’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente; all’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente; al Comando Polizia Municipale di Bagheria

Sversamenti di acque reflue sul fiume Eleuterio ed è allarme ambientale ad Aspra. È la conseguenza della stagione della raccolta delle olive che ripresenta come ogni anno lo smaltimento illecito dei residui degli olii senza l’opportuna depurazione. La foce del fiume Eleuterio tra Aspra e Ficarazzi, presenta i
segni dell’inquinamento ambientale prodotto dallo sversamento abusivo degli scarti di lavorazione
con l’emulsione di acqua e olio che fa assumere una strana  colorazione e densità alla falda acquifera interessata dall’inquinamento.

Un fenomeno, quello dello sversamento illecito nell’ambiente dei residui dell’olio, che assume  proporzioni rilevanti nel nostro territorio nella stagione della raccolta delle olive anche nelle zone di
campagna e di periferia dell’hinterland bagherese.

Ogni anno si ripete lo stesso problema, ad oggi risulta che non sono ancora iniziati i controlli nei vari frantoi e in nessuna altra azienda, cosa ci si poteva aspettare? Il disastro ambientale e marino che ogni anno si ripercuote nella nostra costa sta pian piano distruggendo la nostra identità di paese rivierasco.
La nostra frazione subisce da anni offese da parte di amministrazioni bagheresi che con menefreghismo e strafottenza continuano a calpestare la dignità di una frazione intera. Il danno ambientale si registra ancora una volta con l’ennesimo episodio di inquinamento, dovuto allo sversamento anche di liquami sul
mare e relativo danno della flora marina.

Lo sversamento abusivo di rifiuti nell’ambiente è un reato di natura ambientale severamente punito dall’ordinamento giudiziario. Varie sono state le segnalazioni fatte dalla Presidenza del Consiglio circoscrizionale, l’ultima risale al 14 febbraio di quest’anno, inviata all’Assessorato regionale Ambiente, alla Procura della Repubblica, all’Arpa e all’Amministrazione comunale. A seguito di tale segnalazione, l’Arpa ha effettuato un sopralluogo nella zona incriminata, dove ha riscontrato un forte inquinamento.
Durante il sopralluogo effettuato nell’area di pertinenza del canalone è stato riscontrato un forte
odore molesto, tipico di acque  reflue e le stesse, trascinando solidi e reflui non trattati direttamente
nel mare e nel litorale, erano torbide e di colore bruno, Come conseguenza di tali illeciti, ogni anno il mare di Aspra risulta fortemente inquinato ed in particolare la costa in località Prime Rocche dove si recano nella spiaggia centinaia di cittadini.

Tale situazione anche quest’anno è stata denunciata a seguito delle analisi condotte, da Goletta Verde che analizza la qualità dell’acqua di mare, effettuando prelievi su punti critici, evidenziando i rischi per la salute umana e l’ecosistema marino. Alla luce di questi fatti, si chiede a tutti  gli organi competenti di concentrarsi su un tema cosi importante che si ripete ogni anno al fine della tutela della salute
pubblica.

Il Presidente della Circoscrizione di Aspra
F.to Sciortino Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *