di

Passaggio della campana al Rotary Club cittadino. Nuovo presidente Francesco Paolo Padovano

Domenica 3 luglio, a palazzo Villarosa, si è svolta la cerimonia annuale del “Passaggio della campana” in casa Rotary Club di Bagheria-Distretto 2110 Malta-Sicilia tra il presidente uscente, l’avvocato Massimo Blandi, e il subentrante signor Francesco Padovano.
Si è assistito ancora una volta ad un rito, per certi versi austero e certamente, affascinante e coinvolgente, che vede alla ribalta due emeriti personaggi passarsi il testimone alla guida del prestigioso sodalizio. Già sin dalle prime battute mente e cuore sono presi dalle note di quattro inni che, dipartendosi dalla monumentale villa settecentesca, si levano al cielo passando per le antenne del vicino monte Giancaldo.
Sono l’Inno di Mameli, quello di Malta, l’Inno rotariano e l’Inno alla gioia di Beethoven, ovvero l’Inno europeo. L’esecuzione dei brani è stata seguita da altri momenti significativi quali l’imposizione del collare, la consegna del distintivo al nuovo presidente, l’Invocazione rotariana letta dalla signora Viviana Blandi, consorte del past presidente.

Ai due protagonisti facevano corona parenti ed amici fra cui i familiari di Francesco Padovano: la signora Ezia con le figlie Lucia, Roberta e Azzurra, il sindaco Patrizio Cinque, numerose autorità ed esponenti del mondo rotariano che, com’è noto, è un’associazione internazionale di professionisti, imprenditori e dirigenti che collaborano a progetti di volontariato e iniziative comunitarie promuovendo la buona volontà, la pace nel mondo e i servizi umanitari. E a proposito di servizi umanitari lo slogan che accompagnerà l’anno rotariano 2016-2017 è proprio “Il Rotary al sevizio dell’umanità”, coniato dal presidente del Rotary International, l’americano.John Germ..
Il presidente uscente, l’avvocato Stefano Blandi, per l’intero anno decorso è stato ottimo interprete di questo motto avendo improntato la sua attività a spirito di servizio insieme ai suoi collaboratori. Conoscendo le qualità umane e professionali del nuovo presidente, Francesco Padovano, è innegabile che ripercorrerà le orme del collega in considerazione anche dell’eccellente gruppo di personalità che lo coadiuvano.
A dare l’input al rituale è stata l’ottima Piera Provenzano, prefetto durante la presidenza Blandi ed entrata ora a far parte del direttivo di Padovano la quale ha invitato i presenti ad osservare un minuto di silenzio per le vittime della strage di Dacca. Il sindaco Patrizio Cinque ha poi brevemente sottolineato l’importanza del Rotary club nel territorio.

Il presidente uscente Blandi ha quindi accennato alle varie attività che il club ha svolto e portato a termine sotto la sua guida e ha evidenziato alcune azioni di servizio rotariane progettate nell’anno di presidenza, che vedranno la loro realizzazione con Padovano, nel più ampio e sentito spirito rotariano di continuità. Ha quindi elencato tutti i progetti relativi a diversabili, legalità, beneficenza, ecc. ringraziando ed elogiando uno per uno i rispettivi referenti “che hanno improntato la loro azione a spirito di servizio e solidarietà”.
Un pensiero di lode Blandi ha espresso anche nei confronti dei giovani del Rotaract protagonisti del RYLA(Rotary Youth Leadership Awards), un programma rotariano di formazione volto a incoraggiare esperienze di crescita e solidarietà nei giovani, di rafforzare le proprie competenze, servire la comunità, allargare i propri orizzonti culturali, fare amicizia e molto altro ancora. Fra i giovani premiati per tutti citiamo Roberta Padovano figlia di Francesco.
Blandi ha poi consegnato attestati a tutti coloro che gli sono stati accanto “con abnegazione e spirito di servizio”. Ricordiamo Valentina Di Pasquale, Antonella Spanò, Rossella Franzone, Piera Provenzano, Vincenzo Accurso, Michele Finale, Ferruccio Palermo, Maurizio Scianna, Enzo Zangara, Michele Abbate, Alessandro Algozzini, Tommaso Tomasello.

Il past presidente ha inoltre consegnato l’onorificenza “Paul Harris Fellow”, il più alto riconoscimento rotariano, al prefetto uscente Piera Provenzano, al segretario uscente Massimo Donesvalle e a Giovanni Palermo, medico dentista che insieme al dottor Michele Finale, ha curato il progetto di prevenzione dentale nelle scuole cittadine. “Splendide persone – le ha definito Blandi – che hanno dato un grandissimo contributo al club di Bagheria”.
Si è proceduto quindi al passaggio delle consegne tra il Prefetto uscente, Piera Provenzano, e il subentrante, l’imprenditore Antonio Fricano che in passato è stato pure assessore comunale.
Nel corso della serata è stata inoltre conferito il titolo di socio onorario Rotary al collega Pino Grasso, diacono e responsabile dell’ufficio stampa dell’Arcidiocesi di Palermo (curriculum letto dal dottor Pino Miserendino) il quale, nel ringraziare, ha dichiarato che continuerà a spendersi per il bene comune e per la promozione del territorio.

Il neo presidente, Francesco Padovano, ricevuto il collare e il segno distintivo del Rotary dal presidente uscente, nel ringraziare Blandi e il suo staff per l’impegno profuso, ha illustrato il programma, del nuovo anno sociale che in sintesi pubblichiamo di seguito. Dopo avere evidenziando come i Club service in un periodo così particolare abbiano una responsabilità in più nei confronti del sociale e del territorio, Padovano e la consorte, signora Ezia, hanno consegnato un premio al past presidente e alla moglie Viviana. Inoltre, per mano dello stesso Padovano, è stata conferita anche a Blandi l’onorificenza “Paul Harris Fellow” per l’attività di servizio e per le iniziative umanitarie, sociali e culturali svolte durante l’anno rotariano del proprio mandato.
Significativo infine il gesto galante del nuovo presidente di donare una rosa rossa alle signore.
Del Consiglio direttivo del presidente Francesco Padovano fanno parte Massimo Blandi (past presidente), Vincenzo Zangara (vice presidente e tesoriere), Giorgio Castelli (segretario), Antonio Fricano (Prefetto) e i consiglieri Vincenzo Accurso, Massimo Danesvalle, Rosswella Franzone, Emiliano Maresi, Piera Provenzano. Istruttore di club sarà Francesco Paolo Invidiata.
Un gruppo affiatato che è già al lavoro, come riferisce il segretario Castelli, decano del Rotary, ci ha illustrato il programma delle attività sociali di questo luglio. Mercoledì 6 i ragazzi della casa Amaltea di Bagheria e delle case famiglia Hope e Azzurra di Casteldaccia sono stati accompagnati al reparto giochi di un noto albergo di Cefalù per l’avvio del progetto nuoto.
Venerdi 22 luglio alle ore 10, nell’aula magna dello Steri – Sede del Rettorato dell’Università di Palermo – il prof. Salvatore Novo, docente ordinario di cardiologia, presenterà il progetto “ No ictus,no infarto”, predisposto dal Distretto per l’anno rotariano 2016.2017.
Domenica 24 luglio alle ore 21, sponsorizzato dal Rotary, si svolgerà nell’atrio di Palazzo Butera di Bagheria “il concerto della legalità” eseguito dalla locale banda “P. Mascagni”.

La relazione di Francesco Padovano (sintesi)

Oggi inizia un nuovo anno Rotariano e con grande emozione avrò l’onore di presiedere un Club Rotary prestigioso come quello di Bagheria. Credo allora sia giusto ringraziare i tanti maestri , amici rotariani e non. Per tutti cito alcune persone splendide come Enrico Aiello di cui ricordo, la prima volta che mi fu presentato, lo sguardo tra l’indagatore e il compiaciuto; Filippo Fundarò il socio padrino e amico, Giovanni Ganci con la dolcezza di Lucrezia, Francesco Paolo Invidiata con le sue pillole di Rotary, Pino Miserendino con Lia amici e grandi Rotariani e poi chi ci ha lasciato, persone come Romolo Carnevale, Rosa e Michele Gattuso, che da subito mi hanno fatto sentire a mio agio all’interno del club.
Poi un grazie speciale va a MIO PADRE l’uomo che piu’ di tutti ha contribuito alla mia maturita’ , un Grande Papa’ un Amico e un Maestro.
Passo, quindi, ad accennare al Programma che ci vedra’ coinvolti per l’anno con Progetti, alcuni continuativi ed altri completamente nuovi. Continueremo sicuramente il Progetto sulla prevenzione dentale con il valido contributo dell’Amico e Presidente Rotary Pantelleria Dott. Giovanni Palermo;
il cyber bullismo progetto svolto a scuola con la Professoressa Piera Provenzano e Dott.ssa Rossella Franzone;
il progetto del nuoto per i ragazzi della casa famiglia Amaltea.
Fra i nuovi vi è il progetto del nostro Socio Dott. Vincenzo Accurso sugli effetti collaterali dell’uso di droghe nelle nuove generazioni;
Il progetto distrettuale dal titolo già eloquente “NO ICTUS NO INFARTO”;
Il progetto distrettuale riguardante la pubblicazione del libro “Sicilia e Malta due perle nel Mediterraneo” che ci ha visti impegnati con l’inserimento di Villa Palagonia;
un altro progetto che si sta definendo riguarda l’acquisizione del terreno dove è ubicato il campetto della Parrocchia diretta da Padre Stabile. Noi insieme a diverse altre associazioni di Bagheria effettueremo una raccolta fondi perche’ la Parrocchia possa acquisire la proprieta’ di un bene che ritengo fondamentale per i risvolti sociali che ha sul quartiere Monaco.
E’ doveroso sottolineare che quest’anno saranno organizzate una serie di manifestazioni che ormai ritengo istituzionalizzate come il Rotary Day. Ricade poi quest’anno il ventennale del Club e credo, quindi, si debba organizzare un evento che celebri ma, al contempo, proietti il nostro Club nel futuro.
A tale proposito nomineremo una apposita Commissione che definisca l’evento. Non voglio piu’ dilungarmi, voglio solo dire che per portare a compimento questi progetti e tanti altri che ne seguiranno mi sono attorniato di persone speciali di grandi Rotariani in un mix di esperienza e novita’ quindi chiamo il mio Direttivo, che scusate l’immodestia ritengo di grande prestigio a cominciare dal Segretario Giorgio Castelli, quindi il tesoriere Enzo Zangara un giovane per tutte le stagioni, il Prefetto di ferro Antonio Fricano, l’infaticabile Vincenzo Accurso, il grande Massimo Danesvalle , la sempre disponibile Rossella Franzone , un professionista come Emiliano Maresi e la brillante Piera Provenzano.
Chiaramente ci sara’ sempre la supervisione del nostro Past President Massimo Blandi a cui non posso non ribadire il grazie da parte di tutto il Club per il lavoro svolto fin qua e per gli Attestati ricevuti. I
l lavoro non ci manca credo non ci faccia neanche paura ecco perche’ concludo con il motto del nostro Presidente Internazionale l’americano John Germ “IL ROTARY AL SERVIZIO DELL’UMANITA’”.
GRAZIE E BUON ROTARY A TUTTI

GIUSEPPE FUMIA

 

passaggio campana Int

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *