Logo

Per comunicare con noi. Cell. 330965834 e-mail: bagheriainfo@libero.it
  Notizie     
 
Link Utili
Vivi la città
Farmacie di turno
Turni festivi benzinai
Treni da/per Bagheria
Orario Bus Urbani
Sale cinematografiche
Numeri Utili
Annunci Immobliari
Annunci Privati
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Previsioni del Tempo
Ingresso Ville
Trattorie
Agenzie di Viaggio
Alberghi
Archivio Settimanale
 
PD: chi sono i reazionari?
Inserito il 21 giugno 2008 alle 12:18:00 da Redazione. IT - Politica

PD: chi sono i reazionari?

E' caccia aperta a coloro che, anche attraverso il nostro sito internet, stanno cercando di lanciare un messaggio chiaro ed inequivocabile al coordinamento cittadino del PD. Ma non convince la strada dell'anonimato. Chi sono?


Chiedono che si lasci libera la gente di esporre all'interno del partito le proprie idee. Chiedono di poter ascoltare e di poter proporre nuovi progetti. Chiedono un "congresso democratico" da svolgere nella nostra città. Ma chi sono? Perchè scelgono la strada dell'anonimato?

Il nostro sito internet, è stato l'unico, al momento, a porre l'attenzione su un gruppo di cittadini che starebbe tentando di lanciare un messaggio trasversale ai componenti del Partito Democratico di Bagheria. Alla nostra specifica richiesta di identificarsi ci hanno risposto che per il delicato momento politico che sta attraversando il PD preferiscono mantenere l'anonimato.

                                                                                                                         V.L.

Ecco le loro rimostranze diffuse con un comunicato:

"Abbiamo ricevuto da molti la richiesta di dichiarare pubblicamente i nomi di chi scrive su queste pagine, crediamo che sia una richiesta legittima e per certi versi dovuta ma che purtroppo non possiamo soddisfare. Sarebbe troppo facile in questo momento cavalcare l'onda degli insuccessi elettorali per fare "pubblicità politica" ai nostri nomi, ma non è questo il nostro obiettivo. Non vogliamo creare un'altra corrente all'interno del Partito Democratico. I veltroniani, i dalemiani, i prodi-bindiani, i zangariani, i lupiani, i vitraniani, i cracoliciani, i gulliani, i velliani, i cileiani, i balistreriani etc etc.. bastano ed avanzano. Non riteniamo utile aggiungere i nostri nomi alla lista. Siamo gente che crede nella Politica e che fin dalla nascita del PD è rimasta ai margini, ci siamo stufati di sentir predicare bene e razzolare male. Crediamo nella democrazia e per questo ci vogliamo battere. Non siamo contro nessuno; chiediamo che si lasci libera la gente di esporre all'interno del partito le proprie idee. Chiediamo di poter ascoltare e di poter proporre nuovi progetti. Chiediamo un "congresso democratico". Semplicemente questo".

<_div align="justify"><_div align="justify"><_div align="justify"><_div align="justify"><_div align="justify"><_div align="justify"> 

 



Condividi su Facebook



Letto : 5437 | Torna indietro
Commenti
1 Commento
Inserito il 23 giugno 2008 alle 18:49:01 da Redazione.  0/5
 

Di un convegno dei partiti del centro sinistra, tipo una tre giorni di confronti, riflessioni e proposte, ne avevo ventilata l’opportunità, o meglio la necessità, parecchio tempo prima dell’esito delle ultime votazioni nazionali, proprio perché non avvenisse una dispersione dei valori e delle grandi potenzialità dell’intera area. Ed a maggior ragione anche ora, dopo le provinciali e le amministrative a livello regionale, ne ravviso l’opportunità.

Un congresso, o qualcosa di similare, del PD bagherese come richiesto da un gruppo di simpatizzanti “anonimi” dello stesso partito, è altrettanto cosa necessaria, indispensabile e non rinviabile. Necessario sia per ulteriori chiarezze interne (la forma scelta dell’anonimato, per altro non condiviso, lo confermerebbe) sia, a mio avviso, per un convegno come sopra citato. Se è già difficile formare un partito nuovo partendo da due distinti ex-partiti, ancor più difficile è tentare un linguaggio comune di tutta un’area, linguaggio necessariamente variegato ma certamente da finalizzare al bene comune con tempi e modalità adeguate.

Secondo il mio modesto parere, un confronto con e nell’intera area è necessario che si faccia, ad evitare di dare un contributo ad un bipartitismo facile, a sua volta, a spianare nel tempo la strada a livello nazionale di derive antidemocratiche. E tentativi in tal senso pare che oggi ce ne siano!

Che si recuperi il senso della Politica: dare soluzione ai problemi. E si lavori per quelle soluzioni che le sole problematiche possono comportare, al di fuori di altri scopi (personali e/o di parte) per i quali le stesse problematiche sono “usate” soltanto come opportunità.

 

Tommaso Impellitteri  

 

 
On LIne
Il Settimanale di Bagheria da leggere on line

Il mensile di Villabate da leggere on line

Il mensile di Villabate da leggere on line
Bagheria Casa
Bagheria Casa - Settimanale di annunci economici ed immobiliari



Il Ricettario bagherese

Le farmacie di turno a Bagheria

I Benzinai di turno a Bagheria

Informazioni turistiche Madonie Coupon Sposi Sicilia
Eventi
<
Novembre
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- -- 01
02 03 04 05 06 07 08
09 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 -- -- -- -- -- --

Questa settimana
 
 Copyright © 2007 Pubblimanna - powered by RGMediaWeb 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.7
Questa pagina è stata eseguita in 7,96875secondi.
Versione stampabile Versione stampabile